IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

La posa del Campulou svela il mistero: il fantasma del Castello di Balestrino esiste, ed è donna

Balestrino. “Belin è donna!”. Questa è stata la frase ricca di stupore dei membri dell’Azienda Agricola Berry and Berry, quando, durante un controllo di routine al Campulou in affinamento nelle cantine del castello di Balestrino, hanno scoperto che il fantasma a cui avevano iniziato la caccia il 31 ottobre scorso si è finalmente manifestato.

“Ebbene si, il fantasma del Castello si è manifestato, anzi si è ubriacata! – racconta Alex Berriolo, enologo e titolare dell’azienda – Durante un controllo di routine al Campulou in affinamento abbiamo avuto la piacevole sorpresa. Di fronte a Effe, Pinottu e a me si è presentata una scena unica: scatola di Campulou aperta, tappo estratto e bottiglia vuota”.

Lo staff dell’azienda ha potuto così constatare la veridicità delle leggende, il fantasma del castello esiste ed è appassionato al vino di alta qualità. Non si sono però limitati a questo, la scena che gli si è presentata davanti ha suscitato in loro grande curiosità ed hanno così incominciato ad indagare più a fondo per scoprire di chi potesse essere lo spirito.

“Subito si è pensato ad un incursione del Cavigiotto – spiega Berriolo – ma le tracce di rossetto sul bicchiere hanno suscitato molto stupore. In quel momento le teorie emerse dai due Cavigiotti si sono concentrate su incursioni da parte delle cortigiane e amanti segrete del Marchese. Le indagini sono in corso”.

Alex ha così deciso che per rendere omaggio al fantasma, metterà quindi un simbolo sulle casse di Campulou per simboleggiare la “Fantasma Buongustaia”.

Visto però la passione per il buon vino dell’abitante delle cantine del castello si è deciso di correre subito ai ripari, e le restanti casse sono state così portate via dalla cantina e sono pronte per entrare in commercio. “Passato lo stupore si è provveduto subito a portare via il Campulou per limitare i danni, anche se un paio di bottiglie verranno lasciate a disposizione della ‘donna fantasma’, che le deve centellinare fino alla posa del nuovo Campulou prevista per metà luglio”. Non resta che poter assaggiare il Campulou e scoprire il gusto irresistibile che ha attratto il fantasma.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.