IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Benefici e proprietà del Latte di Capra 

Il latte di capra è utilizzato esattamente come il latte vaccino. La differenza tra i due risiede nella composizione organica. Il latte di capra, infatti, risulta decisamente più assimilabile e digeribile nonostante un aroma ed un sapore più deciso. Per chi è intollerante al lattosio il latte di capra è una validissima alternativa, visto che viene comunemente impiegato per la produzione di formaggi, ricotta, yogurt e moltissimi altri prodotti caseari.

Le proprietà del latte di capra

Il latte di capra è ricco di nutrienti e vitamine importanti per prevenire l’osteoporosi e per fortificare il nostro sistema osseo. In esso troviamo importanti fonti di fosforo, potassio e calcio che danno forza e vitalità alle nostre ossa. Tra le proteine del latte di capra, inoltre, vi è una buona dose di un amminoacido importante per la salute degli occhi e per il supporto alla sintesi della bile: la taurina. Tra i benefici del latte di capra vi è anche la sua alta digeribilità e il fatto che esso contribuisce ad eliminare i grassi che si sedimentano nel nostro sistema circolatorio. Ma non è tutto! Esso rinforza il sistema immunitario attraverso il selenio naturalmente contenuto nel latte, che protegge il nostro corpo dalle infezioni mentre è in grado di lenire le infiammazioni intestinali. Tra i benefici del latte di capra sono stati riscontrati effetti benefici anche sul metabolismo e sui livelli di colesterolo. Infine risulta mediamente più magro del latte vaccino, comportando un minor apporto calorico e, di conseguenza, risulta meno dannoso per chi ha necessità di controllare il peso senza rinunciare al gusto dei latticini.

I prodotti caseari più diffusi deliziosi

Tra i prodotti caseari più diffusi a base di latte di capra menzioniamo il Caprino, lo Stracchino ed il Tronchetto di Capra. Il primo è un formaggio che può presentarsi molle o più stagionato e per il quale la durezza è visibile dal colore della crosta che tende a scurire in proporzione all’indurimento del formaggio. Un particolare tipo di Caprino è l’Aglianico perché, dopo aver stagionato per quindici giorni, viene immerso nel vino da cui prende il nome, l’Aglianico, per altri cinque giorni. Potete trovare questo ed altri pregiati formaggi di capra su SaporideiSassi. Il tronchetto di capra è un morbido formaggio dal sapore lievemente acidulo. Viene venduto nella forma tradizionale, a tronchetto per l’appunto, e stagiona per tre settimane. Si tratta di un formaggio ottimo per gli antipasti e per guarnire cremosi panini. Lo stracchino, infine, è simile a quello prodotto con latte vaccino ma ha una consistenza leggermente più dura e un odore più persistente. Lo stracchino di capra è ottimo da spalmare ed una valida alternativa per guarnire una fresca e sfiziosa piadina.

Il latte giusto per chi soffre di intolleranze?

Si ritiene che i prodotti caseari derivanti da latte di capra non comportino problemi di intolleranza nei soggetti sensibili al lattosio. Questo non è esattamente vero perché il latte di capra, seppur in minime proporzioni, contiene fonti di lattosio e potrebbe causare reazioni fastidiose. Esso è da evitare soprattutto nei soggetti allergici perché le conseguenze potrebbero essere davvero gravi. Non meno importante è la questione del colesterolo. Sebbene questo latte sia decisamente più magro di quello vaccino non possiamo ritenerlo un alimento valido per la dieta di un soggetto che deve ridurre i livelli di colesterolo. Un utilizzo moderato, tuttavia, non ci farà sentire i morsi della dieta dovuti alle numerose rinunce a cui bisogna sottostare. Come tutti gli alimenti esso va consumato in quantità moderate, anche per i corpi allenati e sani.

Il latte di capra come cosmetico di bellezza

Le più recenti indagini in fatto di cosmesi hanno evidenziato come il latte di capra sia un importante alleato della nostra pelle, al pari del latte di asina. Numerosi marchi di cosmesi producono creme e trattamenti a base di questo latte perché l’applicazione sulla pelle è in grado di lenire le infiammazioni e le lesioni dovute ad una eccessiva esposizione al sole grazie alla sua potenza emolliente, idratante e lenitiva. A tale proposito un ottimo impiego di questo latte è il burro che ne deriva, con il quale molte donne massaggiano il viso applicandolo come fosse una maschera. Al risciacquo la pelle sarà visibilmente più rosea, colorita e morbida. Ottimo soprattutto in inverno, quando il freddo ci espone a infiammazioni ed arrossamenti fastidiosi e dolorosi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.