IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Associazione Monica Ravetta, al via le visite mediche per la prevenzione del tumore al seno

Pietra/Finale/Laigueglia. Primo grande obiettivo per l’associazione Monica Ravetta: da sabato 23 febbraio partiranno le attività mediche di tre centri di prevenzione del tumore al seno. Saranno rispettivamente presso i poliambulatori “Il Giglio” di Pietra Ligure, in via Garibaldi, e Finale in via Torino, oltre ai locali presso lo studio dentistico “Manca” in via Torino a Laigueglia. Le visite mediche, al momento, saranno effettuate durante tutta la giornata di sabato, con i senologi, oncologi e gli specialisti che hanno aderito al progetto che visiteranno a turno nei tre presidi medici.

“Ci abbiamo impiegato qualche mese e mettere in moto la macchina organizzativa non è stato facile” afferma Luca Tameo, presidente dell’associazione e marito di Monica Ravetta, la 39enne di Borgio Verezzi scomparsa a causa di un tumore al seno, e diventata simbolo della lotta alla terribile malattia. Nel suo nome è nata una associazione onlus ed un comitato scientifico (direttore è il Prof. Sergio Orefice), e ora arrivano i locali per le visite mediche dedicate alla prevenzione del tumore al seno per giovani donne.

“Finalmente possiamo mettere in pratica quello che avevamo promesso: aiutare concretamente le donne giovani nella prevenzione, unica arma vera per giocare in vantaggio rispetto al terribile male del tumore alla mammella: scoperto con una diagnosi precoce ci sono altissime possibilità di guarigione, intorno al 98%” aggiunge Tameo.

“Il nostro scopo è di carattere medico ma anche di forte sensibilizzazione, anche perché le giovani donne sono escluse dagli screening mammografici tradizionali, per questo vogliamo offrire per questo territorio un aiuto alle donne per poter essere tutelate. In Liguria per la prevenzione al seno c’è poco o nulla, a differenza di altre realtà e quindi spesso molte donne non sanno come fare, oppure rinunciano a controlli o rimandano…Adesso speriamo di aver creato un nuovo punto di riferimento per le giovani donne…” conclude il presidente dell’associazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da CC

    Qualcuno sa dirmi se sono visite gratuite e se ci si deve prenotare e come? Grazie