Modifiche

Finale Ligure, incontro con la cittadinanza su via Dante: variante progettuale sui lavori di riqualificazione

Il sindaco Angelo Berlangieri e l'assessore comunale Paolo Folco: "Metteremo assieme le esigenze espresse dai cittadini"

via dante via brunenghi finale

Finale Ligure. Almeno 300 persone hanno preso parte ieri sera all’incontro con la cittadinanza organizzato dall’amministrazione Berlangieri sul cantiere di via Dante e la prosecuzione dei lavori di riqualificazione di uno dei principali collegamenti viari cittadini.

Un confronto aperto, che si è svolto presso l’auditorium Don Franco De Stefanis a Finalborgo, voluto dal sindaco Angelo Berlangieri e dall’assessore comunale ai Lavori Pubblici Paolo Folco. Tra l’altro, in questi giorni si è attivata una raccolta firme, arrivata a 300 sottoscrizioni, da parte dei cittadini e residenti della zona finalese.

Il marciapiede troppo stretto e pericoloso, la carreggiata e il transito delle auto troppo vicino ai palazzi i punti critici sollevati rispetto all’intervento che ha riguardato il primo lotto di lavoro, oltre alla richiesta della piantumazione di una serie di alberi a fianco del ridotto marciapiede.

A seguito del dibattito e della discussione il sindaco e assessore finalesi hanno annunciato come indirizzo amministrativo una variante progettuale relativa al secondo lotto di lavori, sul quale si svolgeranno valutazioni e approfondimenti tecnici anche sul posizionamento dei parcheggi, oltre allo studio sulla nuova pista ciclabile prevista dalla progettazione complessiva.

“L’obiettivo è mettere assieme le esigenze espresse dai nostri cittadini in un nuovo progetto fattibile che fornisca al tempo stesso maggiore sicurezza stradale e pedonale” hanno affermato il sindaco Berlangieri e l’assessore Folco.

“Quindi, inizieremo un percorso assieme ai progettisti sulle modifiche indicate e quando sarà definita la migliore soluzione progettuale organizzeremo un nuovo incontro pubblico per proporla alla cittadinanza” aggiungono.

Inoltre, tra gli aspetti che dovranno trovare riscontro, anche quello di una verifica attenta sulle rampe di accesso per le persone diversamente abili.

“Naturalmente, sulla base di quanto emerso nell’incontro, i lavori del secondo lotto dovranno partire in un momento successivo rispetto alla stagione estiva” concludono sindaco e assessore.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.