L’ultimo piatto

Dopo 68 anni chiude per sempre un simbolo della tradizione ligure: addio alla storica Trattoria del Molino di Ellera

Oggi l’ultimo giorno. Fu aperta nel lontano 1956

Ellera generica

Ellera. E così è arrivato l’ultimo giorno. L’ultimo piatto. L’ultimo calice. Poi con la notte, si spegnerà anche l’ultima luce. E questi muri terranno per sé ricordi, volti, momenti. Chiude la Trattoria del Molino a Ellera, in questo sabato che, fosse solo un anno fa, sarebbe il primo di una lunga estate fatta di pranzi e cene al fresco. Ma il tempo passa e le cose cambiano. Una famiglia: una vita in cucina e in sala.

Oggi Silvia e Giovanni. Ieri Teresa e Vittorio. Tanti anni qui. In questo ristorante aperto nel 1956. Un punto di riferimento. Tradizione, belle ore che scorrono, come il fiume di sotto. “Questa sera arriveranno amici e gente del posto per cenare e fare un po’ di festa”. Silvia la titolare, in poche frasi ci racconta molto. “Ora ci riposiamo” e ci sta anche, dopo tanti anni di lavoro. Insieme a lei, il marito Giovanni Rossello, ha portato avanti questa trattoria.

Adesso avremo più tempo per noi. Lui – continua Silvia – si dedicherà alla vigna, perché produce Nostralino”, conclude. Anni che verranno. Addio a quella trattoria sul fiume, salendo sulla sinistra. Un libro di storie. Un pezzo di storia. E Silvia parla. La voce è serena, ma se fai attenzione un po’ di nostalgia la cogli. Quella nostalgia che non riesci a scollare quando si chiudono certi capitoli di vita.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.