Speciale Elezioni

In corsa

Garlenda Subito, ecco le donne della lista guidata da Bruno Robello De Filippis

Marialuisa Ciccione, Sara Morando e Roberta Defeudis in Pittoli, donne del gruppo “Garlenda Subito”

Garlenda Subito Bruno Robello De Filippis

Garlenda. Marialuisa Ciccione, Sara Morando e Roberta Defeudis in Pittoli, donne del gruppo “Garlenda Subito”, candidate alla carica di consigliere comunali a Garlenda, espongono le loro idee in relazione al programma depositato nei giorni scorsi dalla loro lista di appartenenza.

Esordisce Marialuisa Ciccione dichiarando: “Intendo garantire il mio impegno fattivo per migliorare ed implementare i servizi all’infanzia e per coloro che appartengono alla fascia della terza età. Ritengo utile rafforzare le convenzioni con i comuni capofila e procedere al recupero di una parte dei locali dell’ex comune per lo sviluppo di attività creative. Sulla stessa lunghezza d’onda appare la candidata consigliera Roberta Defeudis in Pittoli, la quale dichiara: voglio garantire la mia presenza per migliorare il funzionamento delle scuole primarie, garantendo un supporto per le attività pomeridiane. Ho già individuato le modalità di intervento per il recupero delle risorse, andando a correggere spese ingiustificate che ho riscontrato nel bilancio”.

Conclude Sara Morando precisando di aver intenzione di “orientare la propria attività amministrativa per la valorizzazione del territorio e dell’ambiente. Ecco la sua dichiarazione: voglio implementare e migliorare la raccolta differenziata che grazie al lavoro dell’ing Marco Testa aveva raggiunto ottimi risultati, ma che nell’ultimo quinquiennio non ha più ottenuto i risultati precedenti. Stesso discorso per la rete sentieristica comunale, che potenzialmente è un fiore all’occhiello ma ultimamente non è stata al centro dell’azione amministrativa comunale, nonostante l’impegno del vecchio assessore comunale nonché promotore di tale iniziativa Dario Urselli”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.