Doppia tappa

Rixi a Finale: “Per il tunnel di Capo Noli risorse disponibili, pronti a fare appalto”. E sulle ex aree Piaggio: “Riqualificazione importante”

"Ormai in tutto il Paese si sta cercando di trasformare ex aree industriali in qualcosa di diverso"

Finale Ligure. “Per avere un’idea dei tempi di realizzazione della galleria tra Noli e la Baia dei Saraceni bisogna vedere se la vecchia Vas deve essere rifatta. Poi la conferenza dei servizi si potrebbe appaltare immediatamente perché le risorse sono già disponibili nel contratto di programma firmato con Anas. Espletate tutte le procedure, siamo pronti a far l’appalto e dare inizio ai lavori”. Lo ha detto il viceministro alle infrastrutture e ai trasporti Edoardo Rixi a margine del sopralluogo sull’Aurelia all’altezza del Malpasso, recentemente, si sono verificate due frane con conseguente chiusura della strada al traffico.

“Vogliamo fare la galleria che collegherà Noli a Finale per evitare il passaggio sotto la falesia perché crea grossi problemi non solo per la manutenzione della strada, che vorremmo rimanesse aperta ad uso turistico e finalmente collegare le due località interessate con una pista ciclopedonale, ma anche perché oggi, quando ci sono incidenti gravi in autostrada o cantieri rilevanti, manca una connessioni tra est e ovest – prosegue Rixi -. Due camion non possono passare in quel tratto ed è necessario mettere un semaforo per regolare il traffico a senso unico alternato che causa code infinite”.

Seconda tappa finalese nelle ex aree Piaggio, recentemente vendute per 10 milioni e 250mila euro: “Credo che questa sia un’operazione di riqualificazione urbana molto importante. Ormai in tutto il Paese si sta cercando di trasformare ex aree industriali in qualcosa di diverso, recuperando spazi per la collettività ed edificando in maniera sostenibile, sia da un punto di vista ambientale che da un punto di vista degli spazi stessi. Questo specie in territori, come la Liguria, dove non ci sono molti spazi pubblici e l’edificazione (negli anni ’70 e ’80) è stata fatta in maniera un po’ selvaggia”.

“Abbiamo bisogno di recuperare gli spazi soprattutto in termini di vivibilità, specie in località turistiche come Finale Ligure, la cui popolazione varia in base alla stagione. Potrebbe essere un polmone importante. Ci vuole una buona progettazione. Ho visto che l’amministrazione ha le idee chiare per fare in modo, con il privato, di trovare aree ad uso pubblico che consentano di avere un polmone verde e una interconnessione che garantisca spazi alla città”, conclude Rixi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.