Studio

Rifiuti: zone Cairo, Cengio e Vado tra le aree potenzialmente idonee a ospitare il termovalorizzatore

Manifesta disponibilità da parte del Comune di Genova su Scarpino

Porto Vado Porto

Regione. Sono cinque le aree ritenute potenzialmente idonee e due le tecnologie messe a confronto – ‘waste to chemical’ attraverso cui produrre ‘green fuels’ come idrogeno e metanolo da impiegare in distretti verdi oppure di valorizzazione energetica – per la realizzazione futura dell’impianto di chiusura del ciclo dei rifiuti in Liguria. Questo il risultato dello studio eseguito dal Rina su incarico dell’Agenzia regionale ligure per i rifiuti – Arlir. Intanto il Comune di Genova, tramite Amiu, ha manifestato la propria disponibilità per iniziare il percorso finalizzato alla realizzazione dell’impianto sul proprio territorio, in località Scarpino. 

La ricerca è stata commissionata dall’Agenzia per effettuare sia una comparazione delle tipologie di impianti di chiusura del ciclo previste nel Piano regionale (impianto riciclo chimico o impianto termico) per individuare la soluzione tecnologica più idonea sotto il profilo tecnico, ambientale ed economico, sia un’analisi ‘applicativa’ dei criteri di localizzazione di impianti di chiusura del ciclo come definiti dal nuovo Piano regionale e dal Comitato d’Ambito per individuare macroaree potenzialmente idonee che presentino una maggiore vocazione morfologica/infrastrutturale: Valpolcevera-Scarpino; Valle Scrivia; zona Cairo Montenotte; zona Cengio; zona Vado Ligure. 

Per quanto riguarda le tecnologie, impianto a riciclo chimico oppure impianto termico, sono state analizzate in modo comparativo, tenendo conto ad esempio, della ricognizione delle best practice nazionali e internazionali del trattamento e controllo delle emissioni/cattura Co2; dell’ottimizzazione e di possibili sinergie con gli altri impianti di trattamento già presenti sul territorio. 

“Con oggi programmiamo in via definitiva, come avevamo detto attraverso il nuovo Piano approvato dal Consiglio regionale e l’Agenzia, la chiusura del ciclo dei rifiuti, consentendo alla Liguria di diventare autosuffficiente – dichiara il presidente della Regione Liguria -. Agli impianti biodigestori di Cairo e di Saliceti, quest’ultimo finalmente in costruzione, si aggiungerà, grazie al lavoro dell’Agenzia e allo studio del Rina, anche l’impianto per la parte residua di indifferenziata ovvero un impianto waste to chemical per la trasformazione del rifiuto in energia o un termovalorizzatore, come quello che verrà costruito a Roma o come quelli già esistenti ad esempio in Lombardia. In questo modo i rifiuti potranno essere trattati sul territorio ligure in modo sicuro, efficace, efficiente e moderno oltre che ambientalmente sostenibile. Il Rina ha fatto uno studio per individuare una serie di luoghi potenzialmente idonei e il Comune di Genova ha già avanzato la propria disponibilità, proponendosi per realizzare l’impianto a Scarpino. Oggi comincia il percorso per avvicinarci al traguardo: la stima sui tempi è molto difficile ma credo servirà qualche anno, immaginando che nel giro di un anno e mezzo si possa arrivare all’individuazione puntuale del luogo, della tipologia di impianto e dell’interlocutore tecnico proponente. Serve una capacità di visione d’insieme – conclude il governatore – che coinvolga tutti gli enti, secondo quello che indicano le normative comunitarie, garantendo anche percorsi virtuosi che portino a diminuire il costo delle procedure e quindi a gravare meno sulle bollette dei cittadini”. 

Per il Sindaco di Genova e l’assessore all’Ambiente e ai Rifiuti del Comune, che ha avanzato la propria disponibilità, “oggi per la Liguria è una giornata storica. Iniziamo un percorso che permetterà di mettere la parola ‘fine’ al conferimento della spazzatura in discarica o fuori regione. Genova è pronta a fare la sua parte, ritenendo idoneo il sito di Scarpino come area per sviluppare un progetto per un impianto di chiusura del ciclo dei rifiuti. Una struttura che terrà conto dei principi di sostenibilità ambientale ed economica e che sarà compatibile e complementare con l’impianto di Trattamento Meccanico Biologico in fase di realizzazione sempre a Scarpino. L’intera area sarà al centro di un grande progetto di valorizzazione per diventare un sito dell’energia e dell’economia circolare”. 

“Con il nuovo piano regionale, approvato poco meno di due anni fa, e la nascita dell’Agenzia, braccio operativo essenziale per dare concretezza a quel Piano – aggiunge l’assessore all’Ambiente e al Ciclo dei Rifiuti della Regione Liguria – ci siamo posti l’obiettivo della chiusura del ciclo dei rifiuti, impensabile fino al 2015. Da allora abbiamo fatto importanti passi avanti e grazie al grande lavoro svolto, soprattutto per aumentare la raccolta differenziata, passata dal 38,63% di otto anni fa a circa il 60% del 2023, non solo questo obiettivo è realizzabile ma a portata di mano. Voglio ringraziare l’Agenzia per questo studio che sarà la base, il punto di partenza di una futura manifestazione di interesse o ricerca di mercato in modo da garantire che l’impianto sia realizzato nel luogo più idoneo e con le migliori tecnologie, sempre d’intesa con gli enti interessati. L’obiettivo è rendere lo smaltimento in discarica uno strumento sempre più residuale, minimizzando gli impatti ambientali e soprattutto ottimizzando i costi della Tari per i cittadini, che è un nostro obiettivo fondamentale”. 

Quella condotta dal Rina è un’analisi tecnico scientifica con l’obiettivo di dare uno strumento in grado di esplicitare in modo concreto quanto indicato nelle linee di indirizzo del piano regionale dei rifiuti – osserva il commissario dell’Agenzia regionale per i rifiuti Monica Giuliano – un’analisi delle migliori tecnologie applicate alle due tipologie d’impianto di chiusura del ciclo rifiuti e una prima indagine sulle macro aree idonee. È uno dei primi obiettivi raggiunti dall’Agenzia sulla pianificazione futura: si individuano le aree idonee per la chiusura del ciclo, tenendo conto di tutti gli aspetti premianti o meno del Piano regionale. È uno strumento aperto, a disposizione di tutti i player che vorranno presentare proposte valutative per la chiusura del ciclo”.

leggi anche
Regione Liguria palazzo regione
Attacco
Regione, Natale e Arboscello (PD): “Ennesima favola della giunta Toti, conferma fallimento del piano regionale dei rifiuti”
Generica
Risposta
Cavo e Bozzano (Lista Toti) al Pd: “Natale ha sbagliato tutto il possibile e ora si erge a ‘saggio’ del ciclo rifiuti”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.