Richiesta

Albenga, Distilo: “Rio Antognano senza sbocco sul mare, amministrazione incapace”

Il presidente del consiglio comunale: "Danni incredibili alla lega navale e al circolo nautico, liberare. Liberare immediatamente lo sbocco naturale. Denunceremo il fatto alle autorità competenti"

Albenga. “Il Rio Antognano non ha più lo sbocco in mare. Oltre ad aver fatto un danno incredibile alla lega navale e al circolo nautico, l’amministrazione Tomatis con il loro molo dei pescatori stanno creando un danno ambientale incredibile” Lo dichiara il presidente del consiglio comunale Diego Distilo.

“Con la loro idea fantastica di fare questo molo – spiega -, non hanno valutato che con la prima mareggiata sarebbe accaduto quanto sotto gli occhi di tutti .  La vegetazione che era presente sott’acqua sotto costa non esiste più ma la cosa più eclatante è che il Rio Antognao non ha più lo sbocco a mare creando un tappo e un’acqua stagnante che potrebbe causare gravi danni alla salute dei cittadini”.

Conclude Distilo: “L’amministrazione dia immediatamente incarico di liberare lo sbocco naturale dell’Antognano. Denunceremo l’accaduto alle autorità competenti perché questo danno è stato creato da un amministrazione incapace che prima di fare interventi dovrebbe studiare e approfondire. Prima di intervenire così sul litorale si deve aggiornare lo studio delle correnti marine ma questo signori non sanno neanche di cosa si tratta”.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.