Confronto

Rissa di Albissola, niente revoca dell’ordinanza: nel weekend locali chiusi a mezzanotte e mezza

Nel pomeriggio incontro tra il primo cittadino e i commercianti: tiene la linea dura del sindaco Nasuti, ma si cerca un punto di incontro. Lunedì programmato un nuovo confronto

pestaggio buttafuori rissa albissola

Albissola Marina. Niente revoca dell’ordinanza: nel weekend i locali dovranno chiudere a mezzanotte e mezza. Questo l’esito dell’incontro avvenuto nel pomeriggio tra il sindaco di Albissola Marina Giancarlo Nasuti e i commercianti del centro storico e della Passeggiata degli Artisti a seguito della rissa avvenuta nella notte tra venerdì e sabato ad Albissola Marina, documentata da un video che mostra un buttafuori fuori servizio colpire con un calcio al volto un ragazzo di 21 anni.

Il provvedimento voluto dal primo cittadino in risposta al violento episodio non era andato giù ai commercianti albissolesi, i quali, nel corso del confronto hanno chiesto a Nasuti di revocare l’ordinanza “urgente” che impone la chiusura dei locali a mezzanotte e mezza. 

La linea dura del sindaco Nasuti (che nel corso della riunione ha ribadito le motivazioni del provvedimento) non è stata scalfita dalle proteste, ma dopo il confronto è emersa la possibilità di trovare un punto di incontro. A tal fine, è stato programmato un nuovo incontro tra il sindaco e i commercianti per lunedì 26 febbraio. La palla ora passa agli imprenditori, che dovranno presentare all’amministrazione albissolese soluzioni volte a migliorare la sensazione di sicurezza, proponendo un piano per potenziare la sorveglianza (a loro spese).

leggi anche
Gianluca Nasuti enrico Schelotto
Scontro
Albissola, il consigliere Schelotto contro il “suo” sindaco Nasuti: “Chiusura alle 00.30? Ordinanza non equa e fatta senza consultarmi”
buttafuori rissa albissola
Come prevenire
Rissa di Albissola, vertice del Comitato Sicurezza in Prefettura. E l’ordinanza del sindaco preoccupa i commercianti

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.