L'intervista/3

Liste d’attesa infinite, la contromossa di Asl2: “Da maggio a Cairo potenziamento delle attività nelle sale operatorie”

Per il 2024 l'Asl2 cerca 104 medici di cui 13 anestesisti, fondamentali per l'attività chirurgica

ospedale Cairo Montenotte generica

Savona/Cairo. “Da maggio nell’ospedale di Cairo si partirà con il potenziamento dell’attività operatoria che coinciderà con la messa in opera della nuova tac. Stiamo cercando due anestesisti per due sedute in più, saranno effettuati interventi di bassa complessità chirurgica”. E’ questa la notizia che emerge dal nostro incontro con Michele Orlando, direttore generale di Asl 2: il segno tangibile che l’azienda sanitaria savonese vuole mostrare ai cittadini.

Un potenziamento dell’organico necessario per dare una svolta netta e ridurre le liste d’attesa per gli interventi chirurgici, una sfida che l’Asl2 vuole vincere a tutti i costi per iniziare a mettere fine a quella che è considerata una piaga della sanità locale ma anche e soprattutto regionale. Liste d’attesa lunghe anni per togliere ad esempio ernie, colecisti o alcuni problemi ortopedici “ma non per mancanza di chirurghi, che abbiamo a sufficienza – afferma il direttore generale Michele Orlando – ma perché mancano gli anestesisti che, per loro scelta, preferiscono il privato”.

Una sfida che per vincere bisogna battagliare ad armi pari, e per farlo l’Asl2 ha bisogno di alleati: per questo nel corso del 2024 l’Asl2 avrebbe intenzione di imbastire concorsi per ricoprire fino a 104 posti da medico, e la specialità più rappresentata saranno gli anestesisti di cui si cercheranno fino a 13 unità.

Ma se da una parte a preoccupare sono la mancanza di medici anestesisti per garantire una certa regolarità agli interventi chirurgici, dall’altra si è lavorato molto per ridurre i tempi di attesa sull’entrata in Pronto Soccorso: “Questo aspetto lo abbiamo aggredito in più modi – commenta Luca Garra,  direttore dipartimento tecnico sanitario – ad esempio abbiamo attivato dei contratti professionali sui turnisti di Pietra Ligure e abbiamo confermato la presenza di una cooperativa che sta funzionando molto bene (in assenza di medici contrattualizzati dall’azienda sanitaria i turni possono essere coperti da una cooperativa di medici, si tratta di una soluzione tampone mentre si ricercano i professionisti da assumere). Ed è arrivato dal 1 febbraio un nuovo primario per il PS da Imperia. In questo momento abbiamo fatto tutto il possibile sui tempi di attesa del Pronto Soccorso, abbiamo preso la direzione giusta”.

leggi anche
asl2 dirigenti
L'intervista/1
Sanità, il direttore Orlando: “Abbiamo incrementato di 10 milioni di euro la produzione, Asl2 unica in Liguria”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.