Annuncio

Finale 2024, Berlangieri scioglie le riserve: sarà candidato sindaco

L'ex assessore regionale e comunale, attuale presidente degli industriali, in corsa per l'appuntamento elettorale: primo messaggio ai finalesi

angelo berlangieri

Finale Ligure. Dopo settimane e giorni di rumors e indiscrezioni, è arrivato l’annuncio ufficiale: Angelo Berlangieri sarà candidato sindaco per le elezioni amministrative a Finale Ligure. La presentazione della candidatura domani, sabato 24 febbraio, presso la sala consiliare di palazzo Ricci a Finalborgo. A sostegno di Berlangieri il gruppo di centro destra “Le Persone al Centro”, che era stato guidato in Consiglio comunale come minoranza da Massimo Gualberti, candidato sindaco nella precedente tornata elettorale, e che ora vede tra le sue fila i consiglieri Paolo Folco e Camilla Fasciolo.

Dunque, dopo una serie di incontri avvenuti negli ultimi tempi con diverse componenti cittadine, a livello economico e sociale, Berlangieri ha finalmente sciolto le riserve e sarà in corsa per la poltrona di primo cittadino.

La sue decisione di partecipare al prossimo appuntamento elettorale per le amministrative finalesi lo porterà alle dimissioni dal suo attuale incarico di presidente dell’Unione Industriali di Savona, oltre al suo ruolo di vice presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria.

Angelo Berlangieri ha ricoperto anche l’incarico di assessore regionale al turismo e in passato è stato assessore a Finale Ligure nella giunta di centro destra con il sindaco Richeri: prima del ruolo al vertice nell’Unione Industriali è stato presidente provinciale dell’associazione albergatori (Upa).

Ora, per lui, una nuova e difficile sfida, che lo vede candidato sindaco per l’atteso voto finalese. Dovrà vedersela con la lista capeggiata dall’attuale vice sindaco e assessore comunale Andrea Guzzi, oltre al movimento “Nuova Finale”.

Ecco il suo messaggio: “Finale e i finalesi aspettano (e hanno bisogno) di un gruppo di persone che sia al loro servizio e capace di condividere, con l’umiltà (che non è debolezza ma la forza di chi sa ascoltare e poi decidere) del confronto continuo, una visione del futuro che traguardi qualità della vita, sviluppo socio-economico e bellezza; trasformare il Comune da solo ente locale e di amministrazione nella “casa dei finalesi”, il punto di riferimento naturale per cercare soluzioni ai propri problemi e trovare chi ti accompagni nella realizzazione dei propri sogni”.

“Vogliamo ridare a Finale il ruolo che le compete nello scenario provinciale e regionale, fattore determinante per risolvere problemi insoluti da anni; di andare oltre le manutenzioni e i lavori pubblici (pur necessari e utili), mettendo al centro le politiche per il lavoro di qualità, l’inclusione, gli anziani, le persone fragili, il nostro futuro da valorizzare e proteggere: i giovani!”.

“Una politica nella comunità e per la comunità, che è l’essenza stessa della politica stessa!”.

“Il sogno potrà diventare realtà se diventa parte di noi e se saremo capaci a comunicarlo a tutti i finalesi. Una delle chiavi di volta (difficile, ma non impossibile) è far rinnamorare le persone della politica, nel suo senso più nobile, trasmettendo la forza della passione generata da ciò in cui crede un gruppo di persone con l’ambizione di mettersi al servizio della città“.

Cambiare si può e si deve!” conclude Berlangieri.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.