Pensiamoci

È piaciuto lo spot della liguria

Festival, tutti i dubbi dietro il grande successo di Amadeus e della Rai. Il Frecciarossa uno sfregio per pendolari e studenti

Evento e città rischiano di scoppiare per gigantismo? Il problema dei biglietti dell’Ariston

Mango Festival Sanremo

Sanremo. Si è chiuso in un tripudio di lodi il Festival di Sanremo 2024, quinto e ultimo (salvo sorprese) dell’era Amadeus. Battuti tutti i record di ascolto con numeri che non si possono discutere: come sempre (quest’anno più di sempre) il Festival ha vinto sui detrattori. 

Tutto ciò consente di curiosare qua e là con tranquillità, alla ricerca di ciò che proprio bene non è andato, nella sensazione che, come nella favola “La rana e il bue” di Fedro, tanto gigantismo non rischi di far scoppiare il Festival e soprattutto Sanremo città, invasa ogni giorno all’inverosimile, situazione che potrebbe diventare controproducente. 

Si è cominciato con l’arrivo a Sanremo di un treno ad alta velocità Frecciarossa, pieno di papaveri e giornalisti. Una mancanza di rispetto verso tutte le persone, studenti e pendolari, che ogni giorno affrontano ogni genere di problemi, ritardi in testa, per andare a lavorare e studiare. Si poteva evitare, visto che da queste parti l’alta velocità non c’entra nulla? Si doveva evitare, con un minimo di riguardo verso gli utenti “veri” delle ferrovie. 

A proposito di “inconvenienti”, è evidente che la sceneggiata di John Travolta alla prese col ballo del qua qua appare come un incomprensibile scivolone del duo Amadeus-Fiorello e della loro esperienza. Ha quindi vinto Sinner, che ha rifiutato la comparsate a Sanremo: chissà che cosa l’avrebbe aspettato. 

Mango Festival Sanremo

Prima serata, prima uscita di Amadeus, segno della croce e bacio alla moglie prezzemolina in prima fila: dai, davvero una cosa così?

A proposito di famiglie, pure Fiorello si è portato appresso moglie e figlie, mentre molti cantanti non hanno resistito alla tentazione di far presenziare le proprie madri, con baci, abbracci e consegna di fiori. Vabbè, la mamma è sempre la mamma, tutti assolti per insufficienza di prove. 

Una delle polemiche più accese si è registrata per il rapper napoletano Geolier, un bravo ragazzo finito in un girone più grande di lui e ingiustamente fischiato da una parte del pubblico. 

Amadeus – in questo la sua bravura non si discute – ha messo in campo tutta l’artiglieria di cui poteva disporre. Giorgia, Ramazzotti, Morandi e la sfilata di big nella serata delle cover del venerdì: Vecchioni, Cocciante, Umberto Tozzi, Cuccarini, Gabbani, Arisa, Ivana Spagna, La Rappresentante di lista, Skin e altri ancora. A noi sono sembrate imperdibili le esibizioni di Skin e di Vecchioni con un’attualissima “Sogna ragazzo sogna”. Ma occorre anche considerare che l’esibizione più toccante del venerdì è stata quella di Angelina Mango, sola sul palco in ricordo del padre, esibizione che probabilmente l’ha trascinata alla vittoria davanti a Geolier, Annalisa, Ghali e Irama. 

Mango Festival Sanremo

Andiamo avanti. Prima di lasciare il campo Amadeus ha rimediato a una palese ingiustizia e, dopo 27 anni, ha richiamato sul palco il duo Jalisse per riascoltare “Fiumi di parole”. Ha così evitato, magari, che lo potesse fare il suo successore. 

Capitolo Sanremo-Liguria-Rai. È piaciuto a tutti lo spot “dei baci” per pubblicizzare la Liguria, un notevole passo avanti visto che nelle volte precedenti le critiche non erano mancate. 

Sembra poi a molti che la convenzione tra Comune di Sanremo e Rai privilegi ancora troppo quest’ultima, anche per quanto riguarda i biglietti, ormai introvabili, mentre fino a qualche anno fa qualche speranza di trovare posto all’Ariston c’era. 

Da oggi è caccia al nuovo conduttore e direttore artistico. I nomi? Bonolis (forse favorito, ha detto che lui cambierebbe molto), Carlo Conti, la coppia Pausini-Cortellesi, Cattelan (non male). 

Avanti, c’è bisogno di aria nuova, sperando che Amadeus non decida di “sacrificarsi” ancora una volta. 

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.