Chiamata alle urne

Elezioni in Val Bormida, occhi puntati su Millesimo nel vortice delle alleanze trasversali; acque agitate a Murialdo e Pallare

Sindaci uscenti pronti a ripresentarsi con gran parte dell'attuale maggioranza a Bormida, Cosseria, Dego, Mallare, Osiglia, Plodio, Piana e Roccavignale

Elezioni comunali referendum urne seggi

Val Bormida. Si accendono i motori anche in Val Bormida per la tornata amministrativa di giugno. Nei vari Comuni chiamati alle urne sono molti i sindaci uscenti che si ripresenteranno per un nuovo mandato. Ad esempio a Millesimo (quello più grande del comprensorio dove si eleggerà il nuovo Consiglio comunale), Aldo Picalli ha già ufficializzato la sua ricandidatura, ma per lui non sarà una strada facile. Il suo attuale vice, infatti, Francesco Garofano (targato Fratelli d’Italia) ha annunciato di voler correre da solo, cioè, senza Picalli ma con gran parte della giunta. Se sul competitor di centro sinistra circolano soltanto voci non ancora suffragate da azioni concrete (tra cui il ritorno di Mauro Righello che dovrebbe sciogliere le sue riserve nelle prossime ore), i rumors si sprecano anche su un possibile ammiccamento tra Picalli stesso e una parte del Pd, forse quella in quota del consigliere regionale Roberto Arboscello. Bocche cucite e di sicuro c’è solo un vortice di illazioni e tentativi da percorrere per capire quale sarà il destino dei candidati a sindaco.

Aria di maretta anche nei Comuni di Murialdo, dove l’attuale primo cittadino Giacomo Pronzalino dovrà capire se avrà la maggioranza per concludere il mandato ed eventualmente riproporsi, e Pallare. In quest’ultimo sembra che Sergio Colombo, sindaco storico, rientrato dopo cinque anni di opposizione, non voglia ancora lasciare lo scettro ma sia intenzionato a proseguire, a scapito di parte della giunta, tra cui la sua vice, Cristina Lagorio, politicamente vicina ad Angelo Vaccarezza, che sarebbe pronta a iniziare un nuovo percorso se non si ricucirà lo strappo. E ancora, a Mallare Flavio Astiggiano dovrebbe tentare il bis, ma nell’aria c’è anche il ritorno di Piero Giribone, sindaco per decenni, che sembra stia cercando consensi per una lista competitor a quella dell’attuale primo cittadino.

Per Cosseria, come già annunciato tempo fa, Roberto Molinaro ci sarà e nonostante si vociferasse della presenza di più avversari ad oggi non è ancora spuntato nessuno sfidante. Discorso per ora più tranquillo per Bormida, Osiglia e Plodio: rispettivamente Daniele Galliano, Gabriele Badano e Paola Scarzella saranno della prossima partita e si vedrà nei prossimi giorni se correranno da soli o avranno un competitor. Addio dalla scena invece a Bardineto per Franca Mattiauda, che, dopo tre mandati consecutivi pare voglia lasciare per motivi di lavoro, probabilmente al suo vice attuale. A Roccavignale Amedeo Fracchia si ripresenta, ma, questa volta, non in solitaria, bensì con un gruppo che proverà a diventare di maggioranza.
Prove di riconferme anche a Dego e Piana Crixia: Franco Siri e Massimo Tappa sono pronti per la campagna elettorale, nel primo caso non si conosce ancora il nome dell’avversario, nel secondo già annunciata la candidatura di Fiorenza Valle.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.