Iniziativa

Asl 2, otto incontri sull’Alzheimer all’ospedale Santa Corona

Aiutare pazienti e famiglie ad affrontare la malattia

Alzheimer generica

Pietra Ligure. Il 29 febbraio 2024 parte il ciclo di incontri “Conoscere l’Alzheimer 2024” con il patrocinio di ASL2 Savona, Ordine dei Medici di Savona e Provincia di Savona.

“Scopo dell’iniziativa è duplice, da un lato vuole aiutare pazienti, familiari e caregiver nella gestione quotidiana della malattia fornendo indicazioni, consigli e suggerimenti per affrontare le diverse problematiche ad essa correlate. Dall’altro intende informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sfatando pregiudizi e stigma infondati nei confronti dell’Alzheimer diventata un grande problema sanitario e sociale” spiega Patrizia Paccagnella, presidente AFMA ponentesavonese ODV, che da anni organizza e promuove con tanta passione questo progetto con il sostegno e la collaborazione della S.C. Neurologia dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

La malattia di Alzheimer è la forma di demenza più frequente nei paesi occidentali e il progressivo invecchiamento della popolazione ne ha favorito un incremento significativo.

“L’Alzheimer non coinvolge solo il paziente ma l’intera famiglia; il caregiver (familiare che cura), oltre che vedere la vita del proprio caro disgregarsi a poco a poco, non sa come accudirlo al meglio. Per questo è importante aiutare i familiari a capire cosa succede al malato, il perché dei suoi comportamenti e reazioni, come prendersi cura dello stesso e garantirgli una qualità di vita dignitosa nonostante la malattia. – continua Patrizia Paccagnella – È altresì importante creare un’alleanza tra le famiglie e le istituzioni sociali del territorio per affrontare insieme il percorso di aiuto e cura”.

Gli incontri in programma, ad ingresso libero e gratuito, si svolgeranno nella Sala Congressi “Lorenzo Spotorno” dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, dalle ore 15:00 alle ore 16:30.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.