Auguri!

Alla Rp Santuario di Savona festa per i 110 anni di Maria Perrando fotogallery

Sopravvissuta a due guerre e alle epidemie di spagnola e Covid

Savona. Musica, torta, palloncini. Grande festa alla Residenza protetta Santuario per i 110 anni compiuti oggi da Maria Perrando.

Nata il 4 gennaio 1914, è sopravvissuta a Prima e Seconda Guerra Mondiale, oltre che all’epidemia di spagnola e al Covid.

Questo importante traguardo è stato festeggiato insieme al figlio Giacomo Martino, al personale della struttura che la ospita, oltre all’assessore ai servizi sociali Riccaro Viaggi, il presidente del consiglio comunale Francesco Lirosi, e la presidente di Opere Sociali Lorena Rambaudi.

Il figlio Giacomo Martino detto Mino commosso dice: “Nessuno avrebbe scommesso di essere qui oggi, men che meno mia mamma. Ma tutti nella nostra famiglia sono vissuti oltre i 90 anni, quindi nel nostro dna c’è qualcosa di particolarmente longevo”.

“Un evento importante per un compleanno straordinario – dice Rambaudi – ma anche un momento di festa per tutta la nostra struttura. Dopo il periodo del Covid siamo di nuovo insieme ad abbracciarci e festeggiare, abbiamo ripreso tutte le nostre attività di animazione, e questa è una bellissima cosa. Speriamo che il periodo buio sia definitivamente alle spalle”.

“Sono felice di partecipare a un momento di gioia della persona più anziana che ho mai conosciuto – aggiunge Viaggi -. È la ventiquattresima persona più anziana in Italia e la seconda in Liguria. Un momento davvero particolare a cui è bello partecipare. Ero stato qui per i 108 anni, non avrei scommesso di essere qui a festeggiare i 110: ora punto decisamente ad esserci per festeggiare i 112”.

“Una festa magnifica e una occasione molto bella per Savona – commenta Lirosi -. La signora diventa un punto di riferimento per tutti noi. Sono felice di essere qui anche perché sono un carissimo amico del figlio, mio compagno di scuola e poi mio collega sia in banca che nel sindacato, quindi abbiamo percorso un pezzo di strada insieme. Il sindaco mi ha fatto promettere di presentargli Maria, quindi torneremo insieme”.

Alberto Cella, direttore struttura anziani disabili di Asl2: “Questa è la festa non soltanto di Maria, che ha raggiunto un traguardo invidiabile, ma di tutta la comunità del Santuario. Sia degli ospiti della struttura, che possono ambire a una prospettiva di vita lunga, sia del personale, che ha dimostrato di essere all’altezza di un compito così complesso, nel rispetto della storia individuale dei singoli ospiti. Ed è anche una festa di tutta la comunità savonese, perché nella provincia più vecchia d’Italia il raggiungimento di questi traguardi è di buon auspicio per tutti”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.