Tavolo permanente

Piaggio, preoccupazione per la proroga del bando. Consiglio regionale: monitoraggio sulla vendita dell’azienda

Approvato all'unanimità l'ordine del giorno sottoscritto dai consiglieri Garibaldi e Arboscello (PD)

Nuova protesta dei lavoratori Piaggio a Villanova

Liguria. Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno 1062, presentato da Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) sottoscritto da tutti i gruppi, che impegna la giunta a attivarsi in ogni sede e al fianco delle parti sociali al fine di mantenere aperto il tavolo di confronto e l’interlocuzione con il ministero in merito alla situazione di Piaggio, a ribadire la richiesta che venga assicurata, nel percorso futuro l’importanza e la strategicità di Piaggio Aerospace e che il ministero svolga un ruolo di garanzia, coordinamento e vigilanza nel processo di vendita, a richiedere che nel processo di vendita vi sia il massimo coinvolgimento delle organizzazioni sindacali insieme alle istituzioni.

Il documento, infine, impegnala giunta ad attivare un tavolo di monitoraggio regionale sulla situazione di Piaggio Aerospace con le organizzazioni sindacali, i Comuni di Villanova di Albenga, Genova e della Regione stessa con l’obbiettivo di avere una sede agile e continua di confronto in merito alla situazione dell’azienda, anche alla luce delle ultime recenti evoluzioni.

“La proroga dei tempi per il bando di vendita di Piaggio Aerospace desta non poche preoccupazioni. Si tratta di un ulteriore ritardo – che arriva dopo tre bandi per l’acquisizione che non sono andati a buon fine – e grava su un’azienda che si trova già da cinque anni in Amministrazione straordinaria – affermano Luca Garibaldi capogruppo PD Regione Liguria e Roberto Arboscello consigliere regionale e vicecapogruppo PD in Regione -. Da tempo chiediamo che le procedure di gara garantiscano a Piaggio Aerospace una proprietà solida, che alla capacità economica affianchi capacità industriale e produttiva per garantire alla società un Piano Industriale di rilancio, nonché i necessari investimenti nei campi del personale, dei prodotti e della ricerca, quanto mai urgenti dopo i cinque anni di Amministrazione Straordinaria”.

“Piaggio è un’azienda strategica per la Liguria e un valore assoluto per tutto il settore aeronautico industriale”.

“È urgente sostenere e monitorare il processo per garantire un futuro solido all’azienda. Per questo abbiamo chiesto alla Giunta di mantenere aperto un tavolo di confronto e di interlocuzione con il Ministero e vigilare sul processo di vendita”.

“È necessario in questo percorso coinvolgere organizzazioni sindacali, istituzioni e territori affinché non si temporeggi ulteriormente e si rilanci un’azienda strategica coperta da Golden power” concludono i due consiglieri Dem.

“La Piaggio Aerospace, azienda strategica a livello nazionale per il settore aeronautico industriale, che opera negli stabilimenti di Villanova d’Albenga e di Genova, è un’eccellenza che la Liguria e l’Italia non possono permettersi di perdere. L’auspicio è che dopo 5 anni di amministrazione straordinaria e la continua emorragia di personale, in fuga per poche prospettive di sviluppo, con la riapertura delle procedure di gara, si possa giungere a breve ad avere un acquirente solido, strutturato e lungimirante che possa mettere in campo un serio piano di rilancio industriale, che mantenga i livelli occupazionali, valorizzi le competenze e sviluppi nuove tecnologie” aggiunge Stefano Mai, capogruppo della Lega in Regione Liguria.

“Oggi, in Consiglio regionale, ho firmato un ordine del giorno unitario, perché la Regione, insieme alle organizzazioni sindacali, prosegua l’impegno per mantenere aperto un tavolo di confronto e interlocuzione con il Ministero e ribadisca l’importanza di Piaggio Aerospace. Alla luce dei risvolti delle ultime ore, questa mattina, l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessio Piana, si è subito messo in contatto con i sindacati provinciali di Genova e di Savona e ha già preso accordi per avere a brevissimo un incontro con la struttura commissariale. Nel frattempo la speranza è che possa esserci presto un confronto anche con il Ministero” conclude.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.