“basta!”

Sassello e il terrore dei lupi: petizione e raccolta firme per chiedere aiuto e salvare abitanti, animali domestici e bestiame

In redazione foto raccapriccianti di quello che resta di cani, gatti e bestiame. I residenti: "Fate qualcosa!"

Gatto Sassello Lupo

Sassello. Terrore. Il lupo gira e miete vittime: sono cani, gatti, bestiame. Il lupo gira. Uccide, strazia e si porta via storie di affetto e di paura. Una petizione con una raccolta di firme per trovare il modo di salvare abitanti e animali domestici. L’hanno lanciata i sassellesi dopo la lunga scia di sangue tracciata dai lupi che stanno anche sbranando gatti e cani. L’ultima, Emma, cagnolina uccisa l’altro ieri.

Ed è proprio da questo terribile episodio che in redazione continuano ad arrivare foto raccapriccianti di animali domestici. O meglio, di quello che resta di cani, gatti, senza nulla togliere al bestiame. “Animali domestici scomparsi a centinaia” ci spiegano. Ci si arrangia come si può, anche con foto trappole installiate nei giardini per proteggere i cani. Sassello, il suo panorama. Sembra un paese incantato. Ma è anche un paese nella paura.

Una raccolta firme dal tabacchino di via Badano, un messaggio chiaro in cui si chiede un piano di prevenzione efficace e che la popolazione sia tenuta al corrente. Una richiesta d’aiuto alla Regione “nonostante le ripetute lamentele, non si è ad oggi registrata alcuna misura preventiva per allontanare in sicurezza i lupi – si legge – tramite misure non letali tra cui recinzioni, proiettili di gomma, allarmi sonori o visivi, come raccomandato da organi come il WWF in territori in cui si registri la presenza di grandi carnivori in prossimità di aree urbane”.

Il paese si trova a fare i conti con un elevato livello di ansia e impotenza – prosegue la petizione – i turisti hanno lasciato Sassello per la presenza dei lupi. Gli abitanti hanno paura di lasciar giocare i bambini in giardino, diversi allevatori hanno subito la perdita di bestiame e molte famiglie e individui hanno dovuto affrontare la perdita di cani e gatti, in molti casi compagni di vita, resa ancora più traumatica dal ritrovamento di parto di corpo e viscere nei pressi della propria residenza. Vorremmo invitare la Regione a prendere visione delle evidenze e a considerare l’impatto sulla comunità che non dovrebbe essere responsabilizzata di un’emergenza al di fuori delle proprie competenze e non dovrebbe vivere nell’attesa di un incidente abbastanza grave da sollecitare finalmente aiuti”.

Paura, lamentele, disperazione. E sì, perché, in casi recenti come quello di martedì, ci sono persone che perdono i propri amici a quattro zampe. Come gatti, come cani. Ma non solo, anche capi di bestiame. Episodi che fanno male, comunque. E allora ecco numerose foto drammatiche. La richiesta d’aiuto di un paese che ha paura. “Da settembre, una lotta continua – rimarcano – che ci ascoltino!”.

Dopo quelle dei gatti, arriva anche l’immagine di un vitellino. Gli abitanti ribadiscono a IVG.it: “Abbiamo paura, fate qualcosa”. Sassello sotto shock dopo la triste storia di Enrica e la sua piccola Emma. Un anno appena compiuto. Tristezza infinita.

Più informazioni
leggi anche
Generico novembre 2023
Commento
Cagnolina sbranata a Sassello, i dubbi di OSA: “Non è detto che si tratti di un lupo, serve necroscopia”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.