Destagionalizzare

“Ligurian Riviera” lancia la Rete di Destinazione per attirare turisti durante la stagione invernale e primaverile

Una regione tutta da vivere anche in autunno e in inverno: questo l’obiettivo del tavolo provinciale del turismo

Liguria. Le diverse destinazioni della “Ligurian Riviera” anche per soggiorni durante l’autunno e l’inverno. Questo è l’obiettivo del tavolo provinciale del turismo che si sta impegnando con iniziative promozionali per attirare nuovi flussi turistici ed estendere quindi la stagionalità, in beneficio degli operatori ricettivi e non solo, che durante i mesi invernali ed anche primaverili sono attivi nel nostro territorio.

Un obiettivo strategico sostenuto insieme agli operatori turistici che hanno deciso di scommettere sulla bassa stagione con proposte turistiche allettanti. Le previsioni e i trend della domanda segnalano, che il mercato di prossimità (Piemonte e Lombardia) si caratterizzerà per delle scappate, di 2 o 3 giorni cercando relax e riposo.

In questo senso, le caratteristiche delle nostre destinazioni, con il mare come ambiente e le nostre località come scenario, potrebbero essere una buona scelta; in particolare vacanze brevi di 2-3 giorni per smartworking; short break nei weekend e vacanze brevi per staccare la spina, rigenerarsi, riposarsi.

“Le destinazioni della ‘Ligurian Riviera’, – spiegano dal tavolo provinciale del turismo, – possono essere scelte grazie ad un luogo dal clima mite, dalla calma e tranquillità, ideali per riposare, per fare sport. Un luogo, insomma, dove si sta bene. Questa fetta di territorio, è ormai noto, ha un clima e il mare ideale non solo indicato come destinazione balneare, ma anche come relax, riposo e stacco”.

La strategia passa per la strutturazione della ‘Rete di destinazione Ligurian Riviera’, alla quale possono aderire le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, ristoranti, produttori agroalimentari, centri benessere ed olistici, guide turistiche ed ambientalistiche, oltre che operatori dei servizi ed associazioni sportive, escursioni ed attività di outdoor. Verrà quindi rafforzata la rete di destinazione con strumenti dedicati ai prodotti generali e specifici come slow & wellbeing, outdoor ed enogastronomia“.

Verrà avviata un’offerta sistematica integrata e tematica, con promozione e comunicazione indirizzato ad un mercato nazionale ed estero.

Si punterà molto sul settore dell’enogastronomia; massima attenzione quindi allo strumento “Ligurian Riviera Gusto & Sapori” dedicato alle strutture ricettive & agriturismi che resteranno aperti da dicembre a maggio (permessa chiusura 1 mese) con obbligo di consegnare la “Tourist Card + Guida Gusto & Sapori”.

Potranno partecipare anche anche le cantine, olio, pane-focaccerie con obbligo di comunicazione giorni di apertura/chiusura e di comunicare l’orario di apertura/chiusura e di accettare visite durante il weekend. Le strutture ricettive potranno diventare poi strutture specializzate per l’slow outdoor consigliando itinerari e distribuendo le brochure e mappe che Ligurian Riviera ha preparato e che saranno a disposizione delle strutture e gli operatori che aderiranno alla Rete di Destinazione sui sentieri da fare a piedi, ed anche sulle strade e cammini adatti alle biciclette.

Messa a punto anche una campagna pubblicitaria specifica che sarà incentrata nel pubblicizzare la Ligurian Riviera come destinazione inverno e primavera.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.