Ciak si gira 

Da Carcare al set cinematografico: Matilde Amato nel suo primo ruolo di attrice protagonista 

La giovane si è da poco diplomata all'Accademia dello Spettacolo di Torino ed è già al lavoro 

Generico novembre 2023

Carcare. Ventitré anni tra poche settimane, carcarese, neo diplomata all’Accademia dello Spettacolo di Torino dopo la maturità linguistica al Liceo Calasanzio, per anni atleta di Vertikarcare nell’arrampicata indoor: questo il profilo di Matilde Amato, che ora può aggiungere al suo curriculum la prima esperienza di attrice. È stata infatti scelta dal regista Pupi Oggiano per il ruolo di protagonista del film “Contro un iceberg di polistirolo”, di cui sono in corso le riprese.

Grande la soddisfazione della giovane sul trampolino di lancio, dopo un percorso di studi che le sta aprendo le porte di un futuro nel mondo cinematografico.

Generico novembre 2023

L’attuale impegno, il primo a carattere professionale dopo alcune esperienze teatrali avute con la compagnia del Liceo Calasanzio, rappresenta un’opportunità per cui Matilde sta lavorando sodo nell’hinterland torinese. Il set è infatti ambientato tra il capoluogo piemontese, Moncalieri, Rivoli e Nichelino.

Il lungometraggio è il sesto film, del sesto dvd e cd con la colonna sonora, nonché del sesto libro tratto dal film. Questi i numeri dell’ampio progetto di cinema indipendente di Pupi Oggiano e della sua squadra. Tutto è cominciato con “La paura trema contro”, anno 2019, che è un po’ il manifesto del progetto. Un film realizzato in soli otto giorni, che non è facile incasellare in un genere, in quanto riunisce fantascienza, horror, thriller, giallo e soprattutto molta ironia. Il modo di Pupi per omaggiare il cinema di genere italiano, che è da sempre la sua passione cinematografica.

“Ancora pochi passi”, il secondo step del progetto, anno 2020, ha potuto usufruire di un budget più corposo ed è un film decisamente più indirizzabile nel genere horror.

Generico novembre 2023

“Nel ventre dell’enigma” è invece un thriller, anno 2021, scritto da Oggiano – Artale – Tentori, mentre il libro è sempre firmato da Gabriele Farina. Quindi è stata la volta di “…e tutto il buio che c’è intorno”, scritto da Oggiano, Farina e Tentori, uscito al cinema nel 2022, che è stato definito “una favola nera”. Il 2023 è l’anno di “Svanirà per sempre”, che è un giallo mentre è ora in lavorazione l’ultimo capitolo: “Contro un iceberg di polistirolo”, che sarà la chiusura del cerchio.

I sei film, che sviluppano ed approfondiscono i vari generi citati ne “La paura trema contro”, non hanno una vicenda consecutiva e sono assolutamente autoconclusivi, ma c’è un filo rosso che pian piano diventa sempre più evidente e che li lega insieme guidando lo spettatore. “La paura trema contro: ancora pochi passi nel ventre dell’enigma e tutto il buio che c’è intorno svanirà per sempre contro un iceberg di polistirolo”, una frase “manifesto-concept” dell’intero progetto.

Ognuno dei sei film ha l’uscita in dvd, la colonna sonora in cd, la novelization in libro cartaceo e l’anteprima al cinema, che è sempre una grande occasione per presentare il progetto, così come capita nei tanti eventi organizzati.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.