Presidio del territorio

Tentano di evitare i controlli fuggendo in auto e a piedi, ma i carabinieri li bloccano: arrestati due pusher in possesso di mezzo chilo di droga

Sul mercato avrebbe fruttato non meno di 4000 euro

Carabinieri Notte

Toirano. Prosegue senza sosta l’attività dei carabinieri della compagnia di Albenga volta a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio, in particolare nelle zone più sensibili del litorale, dove stati ulteriormente intensificati i servizi di controllo preventivi e repressivi.

Nell’ambito di tali attività, grazie al fiuto e l’attenzione professionale, i militari di Borgetto Santo Spirito hanno arrestato per detenzione a scopo di spaccio di sostanze stupefacenti due cittadini marocchini, trovati in possesso di ben mezzo chilo di marijuana e di denaro contante (sequestrato insieme alla droga).

L’operazione è andata in scena ieri sera, quando i militari della stazione borghettina, impegnati in un servizio di perlustrazione nel territorio, percorrendo via Montale a Toirano hanno notato transitare lungo la provinciale una Volkswagen Polo con a bordo due persone che hanno insospettito i carabinieri.

Il conducente deve avere notato di essere seguito dalla pattuglia, perché ha accelerato bruscamente imboccando una via laterale, con la chiara intenzione di darsi alla fuga e di eludere il controllo.

Vistosi però tallonato dai carabinieri, non ha avuto altra scelta che fermarsi; a questo punto, mentre l’autista veniva bloccato all’interno dell’autovettura da uno dei due militari, il passeggero si è dato alla fuga a piedi, cercando di disfarsi di un sacchetto gettandolo in una siepe. L’uomo è stato inseguito e bloccato dopo pochi metri dal capo equipaggio, che ha recuperato il sacchetto contenente un involucro in cellophane “sottovuoto” con circa mezzo chilo di marijuana.

Le due persone sono state identificate, risultando entrambe già note alle forze dell’ordine. L’autista, infatti, è un marocchino di 46 anni, mentre il passeggero è un connazionale di 41 anni, entrambi domiciliati nel ponente savonese. A seguito della perquisizione, è stata rinvenuta e sequestrata la somma di circa 190 euro, ritenuta il provento dell’attività di spaccio.

I soggetti, tratti in arresto in flagranza di reato per concorso in detenzione illecita di sostanza stupefacente a fini di spaccio, sono stati posti in detenzione domiciliare presso le rispettive dimore, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, conclusosi con la convalida dei provvedimenti di polizia e la disposizione da parte del Gip del tribunale di Savona della misura della custodia in carcere.

L’operazione ha consentito di sottrarre alla piazza di spaccio ingauna lo stupefacente che, sul mercato, avrebbe fruttato non meno di 4000 euro.

L’episodio conferma l’attenzione dell’Arma locale nel prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, oltre al mantenimento del decoro urbano nei vari comuni della provincia.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.