Lettera al direttore

Lettera

L’associazione “No Rigas No Gnl” replica a Italia Nostra: “I nuovi rigassificatori sono assolutamente inutili”

L'associazione risponde alle dichiarazioni di Italia Nostra

Rigassificatore golar tundra

Savona. Siamo la RETE NO RIGASS NO GNL costituitasi nel luglio 2022 e alla quale hanno aderito numerosissime associazioni e movimenti di tutta Italia contrari ai rigassificatori e a tutta la filiera GNL e fin dalla nostra costituzione ci siamo battuti con scritti e manifestazioni nazionali e locali contro questo progetto dell’Italia Hub del Gas.

Abbiamo letto le dichiarazioni dell’ Ing Roberto Cuneo a margine delle osservazioni presentate da Italia Nostra per il rigassificatore di Vado Ligure pubblicate su varie testate liguri.

Potremmo rispondere banalmente che, come non potrebbe funzionare il porto di Vado con le prescrizioni di Livorno, non capiamo come possano lavorare sia il porto della Spezia che quello di Piombino. Ma così facendo scadremmo in una posizione NIMBY che non è il nostro modo di agire e di pensare.

Le diciamo semplicemente ma con forza che i nuovi rigassificatori sono assolutamente inutili. Panigaglia, Livorno e Rovigo possono da soli accompagnare l’Italia verso la transizione energetica cominciando nel contempo a programmare la loro graduale dismissione. I dati del Mase dei primi 6 mesi del 2023 ci dicono che il consumo annuale di gas sta diminuendo con un ritmo elevato, è grossomodo stabile l’import di gas via tubo, è aumentato notevolmente l’import di Gnl.

Dichiarazioni ufficiali e azioni del governo indicano chiaramente per l’Italia un futuro di Hub del Gas, contraddicendo gli obiettivi fissati dal Green Deal europeo e i relativi pacchetti applicativi.

Quello che soprattutto ci spinge a chiedere l’abbandono delle fonti fossili non è una posizione nimby ma la grave emergenza climatica che il pianeta sta vivendo e che anche nel nostro paese ha prodotto ingenti danni materiali e perdita di vite umane.

Per questi motivi ci ha stupito molto leggere le dichiarazioni provenienti da Italia Nostra, non da un piccolo comitato di quartiere ma da una associazione nazionale con una lunga storia alle spalle di difesa e tutela del territorio.

Chiediamo a lei, Presidente, e al responsabile energia ing. Roberto Cuneo che ha rilasciato le dichiarazioni da cui siamo partiti, di rendere nota la posizione ufficiale di Italia Nostra su gas, rigassificatori e in generale sul prolungare l’uso delle fonti fossili.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.