Fronte del no

Rigassificatore, le scuole di Quiliano contro il progetto: “Diserteremo qualsiasi proposta della Regione in ambito ambientale”

"Orientiamo i nostri studenti a scelte negli studi che possano costituire occasione di lavoro nel rispetto della tipicità del territorio e degli organismi che vi convivono"

Tracciato rigassificatore Quiliano

Quiliano. Diventa sempre più ampio il fronte del No al progetto del rigassificatore che sarà trasferito da Piombino (dove si trova ora) dalla seconda metà del 2026. A schierarsi contro, oltre ai partiti politici e alle associazioni, anche l’istituto comprensivo di Quiliano, il Comune che ospiterà diversi chilometri del gasdotto e quattro impianti.

La dirigente Angela Cascio e i docenti hanno spiegato le loro ragioni nella delibera approvata all’unanimità dal collegio docenti. Di seguito è riportato in versione integrale il documento.

Pur nella consapevolezza che la società occidentale attuale non può esimersi dall’assicurarsi approvvigionamento energetico certo, ma dubitando che questo possa continuare a provenire da fonti esauribili e climalteranti, esprimiamo la nostra totale ed unanime contrarietà all’intero progetto, per le ragioni qui esposte.

Il curricolo di Educazione Civica sviluppato nel nostro Istituto ha come argomenti fondanti l’educazione alla partecipazione democratica: nello stilare il progetto “Fsru Alto Tirreno e Collegamento alla Rete nazionale Gasdotti” le decisioni sono state assunte al di sopra dei cittadini e del nostto Ente locale, mostrando di non tenere conto della voce delle istituzioni, delle comunità, dei singoli individui, delle associazioni e dei movimenti sociali, civili e politici.

Siamo chiamati ad educare ai valori dell’Agenda 2030, ponendo particolare attenzione alla salvaguarda del Pianeta per le future generazioni: il progetto “Fsru Alto ‘Tirreno e Collegamento alla Rete nazionale Gasdotti” guarda all’immediato rendimento, sfruttando per un periodo breve ma in maniera intensa il territorio, compromettendolo per i decenni a venire, intervenendo sull’Area di Crisi Complessa di Savona, già pesantemente penalizzata e che sta cercando di sviluppare alternative in ambito produttivo, turistico, ricettivo e di sviluppo sostenibile.

Orientiamo i nostri studenti a scelte negli studi che possano costituire occasione di lavoro nel rispetto della tipicità del territorio e degli organismi che vi convivono, formandosi come agronomi, biologi, ingegneri dell’ambiente, o semplicemente diventando coltivatori o gestori di attività di accoglienza turistica: il progetto “Fsru Alto Tirreno e Collegamento alla Rete nazionale Gasdotti” distrugge i campi di albicocche valleggine, eccellenza agroalimentare e presidio Slow Food, compromette l’habitat dell’Area Marina Protetta dell’Isola di Bergeggi istituita con decreto del Ministero dell’ambiente il 7 maggio 2007, intacca e disturba la vita acquatica del Santuario dei cetacei, dissuade visitatori, turisti e investitori distruggendo il desiderio dei nostri studenti di crescere e realizzarsi nel luogo in cui vivono. Le nostre famiglie hanno sofferto la presenza della centrale a carbone e la sua parabola discendente, pagando un pesante scotto sia in termini di salute sia di perdita di occupazione: il progetto “Fsru Alto Tirreno e Collegamento alla Rete nazionale Gasdotti”, che prevede un orizzonte temporale inferiore al quarto di secolo, sembra riproporre lo schema dello sfruttamento intensivo del territorio, senza bilanciare il disagio con un benessere che deriverebbe dall’occupazione a lungo termine.

Pertanto anche a nome di coloro che si riconoscono nei valori propugnati dal nostro Istituto, chiediamo l’immediato ritiro del progetto. Rifiutiamo l’idea che un qualsiasi ristoro in fondi, beni o servizi possa indennizzare il danno che si verrebbe a creare nell’immediato e per il futuro. Dichiariamo di disertare qualsiasi proposta in merito ad educazione ambientale, civica e alla salute che pervenga dagli Uffici Regionali della Liguria, dalle sue articolazioni o dagli Enti ad essa collegati e/o dagli altri enti promotori del progetto “Progetto Fsru Alto ‘Tirreno e Collegamento alla Rete nazionale Gasdotti” ritenendo ipocrita la richiesta di formare le coscienze dei nostri studenti a valori che nella realtà vengono disattesi e calpestati.

leggi anche
Rigassificatore golar tundra
Reazione
Le scuole di Quiliano contro il rigassificatore, Regione: “Grave atto contro la Repubblica Italiana, intervenga il ministro”
Generico settembre 2023
"difendiamo il nostro mare"
Rigassificatore, Savona pronta per la protesta in spiaggia: catena umana fino a Spotorno contro “il mostro del gas”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.