Ritrovamento

Cadavere a Bergeggi, 60enne trovato morto a Punta Prodani: è suicidio [AGG] fotogallery

Traumi e ferite compatibili con una caduta dall'alto: l'uomo ha lasciato un biglietto d'addio

cadavere bergeggi

Bergeggi. Aggiornamento h 14.41 L’uomo ritrovato cadavere nella tarda mattinata di oggi sul litorale di Bergeggi si è tolto la vita: il gesto volontario da parte del 60enne è stato riscontrato anche da un biglietto lasciato prima di lanciarsi nel vuoto dalla scogliera sovrastante la spiaggia, compiendo un volo di diversi metri.

Fatali i traumi e le ferite riportate nella rovinosa caduta dall’alto.

Le indagini condotte dai carabinieri intervenuti sul posto hanno poi accertato i problemi psichici e mentali dei quali soffriva da tempo la persona deceduta. In questo momento è in corso il recupero della salma da parte dei vigili del fuoco. A supporto delle operazioni anche la motovedetta della Guardia Costiera.

– L’allarme è scattato poco dopo le 13.00 di oggi quando è stato notato un corpo riverso su un tratto della scogliera di Punta Prodani a Bergeggi.

Immediati sono scattati i soccorsi con l’arrivo sul posto dei militi della pubblica assistenza, dell’automedica del 118 e dei vigili del fuoco.

Una volta sul posto, però, i sanitari, che avevano anche allertato l’elisoccorso Grifo, hanno verificato il decesso della persona: dalle prime informazioni si tratterebbe di un uomo di circa 60 anni.

Secondo quanto appreso, da una prima ricognizione del cadavere, le ferite e i traumi riscontrati sarebbero compatibili con una caduta avvenuta dall’alto, che non ha lasciato scampo al 60enne.

Sul luogo si stanno recando anche i carabinieri per le indagini e gli accertamenti del caso.

Al momento sono aperte tutte le ipotesi in merito alla morte dell’uomo, suicidio, caduta accidentale o altro ancora: sull’episodio è già stata informata anche la Procura savonese in attesa degli sviluppi e riscontri investigativi ancora in corso.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.