Commozione

Sirene spiegate e un lungo applauso: amici e colleghi danno l’addio al vigile del fuoco Daniele Perrone

Dopo i saluti nella caserma di Cairo Montenotte, i funerali a Giusvalla in una chiesa gremita

Cairo Montenotte/Giusvalla. Silenzio, solo il suono delle sirene spiegate in segno di lutto, poi un grande applauso. Tanta la commozione questa mattina nella caserma del distaccamento di Cairo Montenotte per l’ultimo saluto a Daniele Perrone, il vigile del fuoco di 53 anni che si è spento mercoledì dopo un malore.

Tanti i colleghi accorsi da tutta la provincia in Valbormida per partecipare alla cerimonia e dire addio al compagno di tante avventure, un membro della grande famiglia dei vigili del fuoco che piange l’uomo, l’amico, il lavoratore che Daniele Perrone è stato, dimostrando sempre grande impegno, generosità e gran cuore.

Dopo i saluti della caserma, ci si è spostati nella chiesa di San Matteo a Giusvalla, paese in cui Perrone ha sempre vissuto e dove si è deciso di celebrare i funerali. Qui ha ricevuto l’abbraccio anche dei suoi concittadini, del sindaco nonché suo grande amico Marco Perrone e della sua famiglia composta dal fratello Luca e dalla sue due nipoti. A portare il feretro sulle spalle, in una chiesa gremita, sempre i suoi cari colleghi vigili del fuoco.

Momenti toccanti, poche parole, qualche lacrima che scende sui visi e un grande dolore per la scomparsa di un uomo che ha prestato la sua vita agli altri e che, una mattina, mentre stava per staccare dal turno è andato a lavarsi i denti, dopo un caffè, ma non è più tornato indietro. Il malore, il trasporto in elisoccorso in ospedale, le cure dei medici del reparto di terapia intensiva del Santa Corona e, dopo quattro giorni, il tragico epilogo.

leggi anche
daniele perrone
Cordoglio
Valbormida in lutto: è morto Daniele Perrone, vigile del fuoco di 53 anni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.