Alea iacta est

Albenga, la “Fionda di Legno” si svolgerà il 28 maggio: svelati i primi indizi sul premiato

“Il dado è tratto”: appuntamento alle 18, all’Ambra

Albenga, Fionda di Legno 2022 a Sigfrido Ranucci

Albenga. “E Fionda sia”. L’appuntamento è stato fissato per domenica 28 maggio, alle 18, al teatro Ambra di Albenga. I Fieui di caruggi hanno sciolto ogni riserva, annunciando la data del Premio e lo hanno fatto dopo qualche esitazione, che ha fatto pensare a un anno di pausa, e a qualche problema legato alla disponibilità del Teatro, occupato nelle date tradizionalmente legate alla Fionda.

Ma ora il dado è stato tratto, con l’avvallo e la benedizione di Antonio Ricci, “capo” indiscusso dei sempreverdi monelli ingauni: “Siamo legatissimi a lui, – confessano i Fieui, – e quando ci ha detto che siamo ancora troppo ‘giovani’ per smettere, ci siamo subito messi in moto. Eccoci pronti per una nuova avventura”.

Dopo tanti anni e tanti premiati la domanda d’obbligo è sempre la stessa: “Chi riceverà nel 2023 l’ambito trofeo?”. I Fieui, come d’abitudine, non si si sono sbilanciati sul nome della vincitrice o del vincitore, ma hanno già dato qualche indicazione, forse proprio per accrescere la curiosità.

“Le ultime Fionde sono state davvero ‘toste’ e hanno premiato persone impegnate nelle loro battaglie sociali e civili, a volte anche a rischio della vita. Basti pensare a Don Ciotti e a Sigfrido Ranucci arrivati ad Albenga protetti dalla scorta. O anche ai medici, agli infermieri, ai volontari, cioè agli eroi del Covid, celebrati dalla politica al momento del bisogno e poi subito dimenticati”, hanno spiegato.

“Quest’anno la nostra scelta è per una Fionda di spensieratezza. La gente ha bisogno di buonumore, di tornare a sorridere, di dimenticare almeno per un paio d’ore la drammaticità di questa difficile epoca. Sarà una fionda certamente più vicina allo spirito goliardico che da sempre ci anima, ma nello stesso tempo il sorriso e l’ironia si coniugheranno con la solidarietà e l’altruismo. Sarà un’altra fionda indimenticabile”.

Per essere sicuri  di poter assistere alla consegna della Fionda 2023 sarà possibile prenotare un posto numerato con un’offerta interamente devoluta a Ente o Associazione indicati dalla premiata o dal premiato. Le prenotazioni saranno aperte subito dopo Pasqua, con modalità che verranno a breve comunicate.

ALBO D’ORO del premio Fionda: 2007 Antonio Ricci, 2008 Balbontin – Ceccon – Casalino,2009 Fabrizio De Andrè (alla memoria,ritirato da Dori Ghezzi), 2010 Paolo Villaggio, 2011 Milena Gabanelli, 2012 Roberto Vecchioni, 2012 bis Don Gallo, 2013 Carlo Petrini, 2014 Don Mazzi, 2015 Fiorella Mannoia, 2016 Javier Zanetti, 2017 fionda del decennale: Brunello Cucinelli e I Nomadi, 2018 Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, 2018 Enrico Brignano (fionda speciale d’autunno), 2019 Don Ciotti, 2020 Antonio Albanese, 2021 Eroi del Covid, 2022 Sigfrido Ranucci-Report.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.