Ricordo

Addio a Bianca Montale, il ricordo di Quaglieni: “Intellettuale libera, custode autentica del poeta più grande del nostro Novecento”

Nipote di Eugenio Montale, è stata una grande storica del Risorgimento

Pier Franco Quaglieni

Genova. Ieri, sabato 4 marzo, si sono svolti a Genova i funerali di Bianca Montale, grande storica del Risorgimento e nipote di Eugenio Montale. Aveva 95 anni.

Il professor Pier Franco Quaglieni, presidente del Centro Pannunzio, la ricorda così: “L’ho sempre seguita nei suoi studi risorgimentali in particolare quelli su Mazzini e Garibaldi, ma solo nel 2011 ho avuto la possibilità di conoscerla di persona ad Albenga, quando i miei amici Costa ci invitarono a parlare all’Istituto internazionale di studi liguri per un importante convegno dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Cosimo e Josepha Costa vollero dietro il tavolo il tricolore con stemma sabaudo perché in realtà era l’anniversario della proclamazione del Regno d’Italia. La repubblicana Montale non ebbe esitazioni da storica di razza a parlare con dietro quella bandiera. Tenne non una relazione, ma una lectio magistralis davvero indimenticabile, rasentando i livelli di Rosario Romeo, di cui ambedue eravamo amici ed ammiratori”.

“La volli invitare a Savona, ad Alassio e ad Albenga dove parlò dello zio in modo mirabile, mettendo in evidenza il fatto che Montale fu un liberale autentico, come attesta il suo mirabile e spesso dimenticato ‘Piccolo testamento’ in cui rifiuta le ideologie arroganti del ‘900. Montale non fu mai ‘un chierico rosso o nero’ (sono parole sue) ritenendo le granitiche certezze ideologiche impossibili e pensando sempre a conclusioni provvisorie, mai dottrinali. Egli fu un laico liberale in tempi in cui il marxismo sembrava una fede assoluta per quasi tutti gli intellettuali. Bianca ha seguito le orme dello zio nel campo della storiografia risorgimentale, dando un apporto agli studi come come pochi altri accademici tra cui voglio ricordare Narciso Nada”.

“La Montale, che fu direttrice e anima dell’Istituto Mazziniano di Genova, non ebbe nella sua città e nel suo Ateneo i riconoscimenti che avrebbe meritato. Io conservo delle sue lettere molto affettuose in cui mi scrisse osservazioni importanti anche in relazione ad un mio libro, nel quale non si lamentò mai degli ostracismi che subì se non con riferimenti ironici e gentili verso l’ambiente intellettuale genovese totalmente sbilanciato a sinistra. Mi scrisse anche di certi ex spadoliniani che non l’amavano. La Montale era della tempra del più giovane Dino Cofrancesco. Un mio grande rammarico è quello di non essere riuscito a portarla a parlare al Museo del Risorgimento di Torino: il mio amico Umberto Levra, storico del Risorgimento come noi, non volle accogliere a Palazzo Carignano Bianca. Negli anni successivi capì l’errore, ma fu troppo tardi per porvi rimedio”.

“La Liguria di Mazzini ma anche il Piemonte di Cavour dovranno onorare in modo adeguato una grande studiosa che molti quotidiani oggi hanno ignorato perché intellettuale libera, storica non ideologizzata, custode autentica del poeta più grande del nostro Novecento”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.