Provvedimento

Savona, smantellata centrale dello spaccio di stupefacenti in pieno centro: un arresto

Le indagini dei carabinieri hanno condotto ad un uomo che gestiva una fiorente attività di spaccio all'interno di due abitazioni (dotati di un sistema di videosorveglianza per controllare l'arrivo de clienti)

Generico febbraio 2023

Savona. Prosegue l’attività dei carabinieri della compagnia di Savona volta a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio, in particolare nelle zone più sensibili della città, come Piazza del Popolo, dove stati ulteriormente intensificati i servizi di controllo del territorio, anche con l’impiego di militari in abiti civili.  

Nell’ambito di tale attività, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Savona hanno arrestato un cittadino straniero per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. 

Da alcuni giorni, i carabinieri avevano avuto notizia di insoliti movimenti nei pressi di un’abitazione in una centralissima via di Savona. Durante specifici servizi di osservazione, i militari hanno appurato quanto appreso, infatti avevano più volte notato un uomo che stazionava in quella via e “incontrava” molte persone. I carabinieri hanno notato che durante la giornata, l’uomo saliva più volte in casa, situata nelle immediate vicinanze e, poco dopo, scendeva nuovamente in strada e ricominciava gli incontri. 

A questo punto, gli investigatori hanno deciso di effettuare l’intervento: dopo aver documentato una cessione di stupefacente, hanno fermato lo spacciatore, che nell’immediatezza veniva trovato in possesso di una piccola quantità di cocaina. I militari hanno quindi effettuato anche una perquisizione all’interno della sua abitazione, dove hanno trovato e sequestrato circa 200 grammi di cocaina, oltre 22.000 euro in contanti e materiale vario per il confezionamento delle dosi di stupefacente, nonchè le chiavi di un’altra abitazione situata anch’essa nel centro di Savona, che è stata perquisita. All’interno di quest’ultima, i militari hanno trovato ulteriori 500 grammi di cocaina pura e diversi telefoni cellulari, presumibilmente utilizzati per l’attività di spaccio. 

Ad ulteriore conferma che il soggetto fermato gestiva una fiorente e ben organizzata attività di spaccio, è stata rinvenuta una contabilità molto precisa degli incassi giornalieri, annotata su alcuni fogli. 

Il fermato ha addirittura dotato una delle due abitazioni di un sistema di videosorveglianza, collegato al suo telefono cellulare, da cui poteva controllare l’arrivo dei “clienti”.   

Il cittadino straniero è stato quindi arrestato e accompagnato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

“Questa attività conferma l’attenzione dell’Arma locale per prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti soprattutto fra i giovani e giovanissimi, anche al fine di prevenire forme di disagio e contribuire al mantenimento del decoro urbano anche nelle aree più sensibili della città.  Il procedimento è attualmente nella fase preliminare ed i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità dell’indagato, non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’autorità giudiziaria”, si legge in una nota.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.