Retroscena

Vialli e la “Fionda speciale” mancata, Fieui: “Nel 2019 era atteso ad Albenga. Rinunciò per malattia e impegni”

A raccontare il retroscena il portavoce dei Monelli Ingauni Gino Rapa: “L'idea era di consegnarli il premio per il suo coraggio e i suoi insegnamenti”

 Gianluca Vialli - ph pagina facebook

Albenga. Che il nome di Gianluca Vialli, scomparso oggi (6 gennaio), sia indissolubilmente legato alla Liguria e Genova in particolare è cosa nota. Ma anche Albenga avrebbe potuto rivestire un piccolo ruolo per arricchire un “palmares” fantastico.

A raccontare il retroscena, su Facbeook, è stato il portavoce dei Fieui di Caruggi, organizzatori del premio “Fionda di Legno”, Gino Rapa. Proprio così perché nel 2019 una “fionda speciale” sarebbe dovuta essere consegnata proprio a Vialli, ma la malattia e il sopraggiungere di altri impegni non lo hanno reso possibile. 

Nella primavera del 2019 contattammo Gianluca Vialli per invitarlo al nostro Ottobre De André. L’idea era di consegnarli, a sorpresa, una fionda speciale per il suo coraggio esemplare e i suoi insegnamenti. Al di là della bravura del campione sportivo”, ha spiegato Rapa. E Vialli, come ha sempre dimostrato in tutti gli ambiti, “aveva inizialmente accolto l’invito con sorpresa ed entusiasmo”.

“Durante l’estate, tuttavia, – ha proseguito Rapa, – nelle nostre comunicazioni, cominciò a farsi strada l’incertezza legata ai suoi impegni e, purtroppo, alle condizioni altalenanti di salute. A inizio ottobre arrivò la rinuncia, che, tuttavia, lasciava aperta la strada alla possibilità di un incontro futuro. Questa possibilità non ci sarà più, ma nel nostro cuore Gianluca Vialli resterà una fionda speciale”, ha concluso. 

Di seguito, la lettera che lo scorso 4 ottobre 2019 Vialli inviò ai Fieui di Caruggi: “Gentilissimo Gino, spero tu stia molto bene. Si avvicina la data della manifestazione Ottobre De Andre’ alla quale mi avete gentilmente invitato. Mi dispiace informarti che non potrò partecipare alla serata a causa di problemi e impegni inderogabili. Sono molto dispiaciuto di non poter prender parte all’evento soprattutto per la grande ammirazione che nutro per Fabrizio De Andre’ e l’affetto che mi lega alla sua musica. Certo che l’evento sarà un successo e vi possano essere altre occasioni future, auguro a tutti voi una serata meravigliosa”. 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.