Polemica

Sanità, Garibaldi (PD): “La Liguria maglia nera nell’assistenza territoriale nelle aree interne”

"Nessuna casa o ospedale di comunità prevista nelle aree periferiche e ultra periferiche"

ospedale dottore chirurgia

Liguria. “La Liguria si conferma purtroppo maglia nera per gli interventi di assistenza territoriale nelle aree interne, vanificando gli sforzi alla base del Pnrr: ben 36 comuni delle aree interne periferiche ed ultra periferiche non avranno a disposizione né una casa di Comunità né un ospedale di comunità delle 33 strutture previste, solo 8 sono in aree interne intermedie mentre non ce ne sarà nessuna nelle aree periferiche e ultra periferich”. Così il capogruppo del Partito Democratico Articolo Uno Luca Garibaldi su distribuzione case e ospedali di Comunità sul territorio ligure, dopo aver letto il report realizzato da Cittadinanza attiva.

“Il quadro tracciato Cittadinanza attiva – prosegue Garibaldi – in occasione dell’evento ‘Bisogni di salute nelle aree interne, tra desertificazione sanitaria e PNRR’ in cui emerge che la Liguria è l’unica regione, insieme alla Val D’Aosta, a rischio desertificazione totale di assistenza per zone ultra periferiche. Parliamo di 36 comuni e oltre 24.867 persone che grazie al PNRR avrebbero potuto sperare in un’assistenza sanitaria di prossimità e invece non l’avranno”,

“Questi numeri – continua Garibaldi – sono la prova che la Giunta regionale, come da tempo denunciamo, non ha messo in campo una programmazione sanitaria in grado di ridurre le disuguaglianze assistenziali sul territorio. Tutte le case di comunità previste, infatti, sono in aree centrali o periurbane, quasi tutte collocate negli ospedali della costa e manca completamente un investimento nelle aree interne, dove il bisogno di cura è straordinario, visto che gli abitanti sono prevalentemente anziani, fanno fatica a spostarsi e vivono lontano dalla rete dei servizi. Ci sono aree dove manca il medico di base e le cure domiciliari sono un miraggio. Il rischio è che le scelte della Giunta Toti tendano più ad ampliare le disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari che a ridurle”, conclude Garibaldi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.