Bottino

Russi catturano in Donbass un missile ‘made in Liguria’, l’ambasciata: “Ora è in buone mani”

La foto pubblicata su Twitter mostra la targhetta di identificazione dell'arma, prodotta a La Spezia negli anni novanta

Liguria. Un missile ‘made in Liguria’ è stato catturato dai Russi in Donbass. Come spiegato dall’Ambasciata russa in Italia, si tratta di un missile anticarro Milan che è stato sottratto agli ucraini.

“I missili anticarro Milan di fabbricazione italiana catturati al nemico aiutano i difensori della Repubblica Popolare di Donetsk a combattere i neonazisti ucraini. Almeno quest’arma è in buone mani. Nel frattempo, secondo i dati dell’Europol, molte armi della Nato, fornite al regime di Kiev, finiscono sul mercato nero e vengono rivendute alle organizzazioni criminali in Europa e altrove”.

Lo ha scritto nel pomeriggio di ieri l’Ambasciata russa in Italia sul suo profilo Twitter ufficiale allegando una serie di fotografie relative al sistema d’arma, compresa quella di una targa di identificazione dell’arma in cui appare in bella vista il nome del produttore: “Oto Melara – La Spezia”.

L’immagine consente di collocare la produzione del missile nel 1990, quando l’attuale Leonardo si chiamava appunto ancora Oto Melara. Il missile Milan è entrato in produzione nel 1972 da parte del consorzio franco-tedesco Euromissile.
Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.