Iniziativa

Parte da Alassio la proposta di disegno di legge per reinserire le preferenze ed eliminare le “candidature multiple”

A promuoverla Angelo Galtieri, quale presidente del comitato per la riforma elettorale

voto elezioni seggi

Alassio. Angelo Galtieri, quale presidente del comitato per la riforma elettorale, ha promosso un disegno di legge di iniziativa popolare per reintrodurre il voto preferenziale ed eliminare le “candidature multiple”.

Spiega: “Con altri sei amici amministratori ci siamo prefissi questo obiettivo, che ci pare ormai irrinunciabile per la vita democratica del nostro Paese. L’iniziativa non ha nulla a che spartire con l’appartenenza politica dei singoli promotori. Per raccogliere le 50 mila firme necessarie per presentare il disegno di legge promuoveremo banchetti in modo capillari e sarà possibile rivolgersi, come prevede la legge, a tutti i Comuni d’Italia. È un obiettivo ambizioso che traguarda le prossime elezioni politiche, ma siamo convinti che possiamo farcela perché sono tanti gli italiani che ne sentono il bisogno, mentre la politica in generale non ha alcun interesse a cambiare le cose”.

Il disegno di legge ha dunque l’obiettivo di ripristinare il voto di preferenza individuale, venuto meno con l’introduzione della “legge Calderoli”. “Il voto blindato – continua Galtieri – è un meccanismo che impedisce all’elettore di scegliere il candidato che preferisce, essendo l’elezione determinata dall’ordine di presentazione delle candidature stabilita dai partiti a cui i candidati stessi appartengono. Cioè, scelgono i partiti, non i cittadini, violando la norma costituzionale.

Il disegno di legge prevede inoltre l’abrogazione delle candidature multiple. “Questi artifici, voto blindato e candidature multiple, concorrono a compromettere in partenza ogni processo di riforma oltre a un effettivo è consapevole consenso elettorale”.

Sempre secondo Galtieri, l’obiettivo non risulta più rinviabile “a maggior ragione dopo il taglio dei parlamentari, che già di per se stesso ha minato la rappresentatività del Parlamento. Il testo che proponiamo costituisce l’esito di un approccio tecnico e pragmatico, per quanto possibile scevro da scelte di natura politica”.

Prosegue il vice sindaco di Alassio: “Le norme contenute nel nostro disegno possono adattarsi tanto all’attuale forma di governo parlamentare quanto in prospettiva di un’eventuale riforma in senso presidenzialista o semi presidenziale. Non ignoriamo che ci si può muovere l’accusa di favorire il voto di scambio, ma anche l’attuale sistema non è certo immune da condizionamenti simili”.

Conclude Angelo Galtieri: “Il sistema che noi proponiamo ci adegua alle grandi democrazie occidentali e permette ai cittadini di avere un rapporto più diretto con gli eletti, un bisogno che si sente in molta parte dei territori: il Ponente ligure ne è una delle prove più concrete”.

È possibile consultare il testo del disegno di legge sulla pagina facebook, mentre per info e adesioni ci si può rivolgere via mail a comitato.riformaelettorale23@yahoo.com

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.