Attenzione

Emessa la prima allerta per valanghe in Liguria: cos’è e come funziona

Oggi allerta gialla sull'appennino, domani anche sul settore delle Alpi Liguri Sud

Neve

Liguria. Emessa la prima allerta per valanghe in Liguria. L’allerta gialla riguarda oggi, domenica 22 gennaio, l’appennino ligure e domani, lunedì 23 gennaio, all’appenino ligure interessa il settore delle Alpi Liguri Sud.

Il meccanismo prevede che, sulla base dei livelli di pericolo previsti nel Bollettino Neve Valanghe redatto dal Centro Settore Meteomont del Comando Regione Carabinieri Forestale Liguria (individuato dal Dipartimento della Protezione Civile quale Centro di competenza in materia nivologica e valanghiva) con il quale viene effettuato un costante confronto, il CFMI-PC di Arpal emetta i corrispondenti livelli di criticità/allerta valanghe secondo un automatismo concordato fra gli enti coinvolti.

Nel corso della giornata di domani verrà valutato un eventuale prolungamento dell’allerta.

Il bollettino neve è uno strumento piuttosto chiaro e che chi è solito andare in montagna deve sapere leggere e utilizzare ma l’allerta Arpal comunica lo stato di pericolosità anche ai meno avvezzi. Ad ogni modo, nel documento Meteomont, si chiarisce come, anche se i centimetri di manto nevoso non sono più di 30, a seguito dell’attività eolica prevista sono da evitare le zone di accumulo, conche, canaloni, cambi di pendenza e pendii sotto vento in genere dove gli accumuli sono più importanti.

La situazione. Il manto nevoso presenta croste da vento portanti e non portanti (si sprofonda con sci e racchette) alternate a strati di neve a debole coesione e zone con poca neve. Il manto nevoso è in generale ben consolidato e stabile sulla maggioranza dei pendii e moderatamente consolidato solo su alcuni pendii ripidi.

Generico gennaio 2023

Nevicate da deboli a moderate con vento e neve fredda asciutta stanno interessando il sottosettore dell’Appennino Ligure nella parte orientale soprattutto nella Val d’Aveto in provincia di Genova. Nonostante le cumulate al suolo non siano così rilevanti il forte vento in quota sta ridistribuendo la neve al suolo ma la scarsa visibilità rende difficile l’individuazione di eventuali accumuli o cornici di neve.

Nel sotto-settore Alpi Liguri Sud, la copertura nevosa, presente al di sopra dei 1700 metri, rimane limitata ai comprensori montani M.Saccarello- M.Frontè e M.Grai in provincia di Imperia dove il persistere di temperature rigide sta favorendo il metamorfismo costruttivo dei cristalli verso forme più angolari e a calice.

Le previste precipitazioni nevose per la giornata di domani, lunedì, su tutto il settore associate alla presenza di vento in quota continueranno la ridistribuzione della neve recente asciutta e a debole coesione. In caso di attività in ambiente innevato prestare quindi attenzione alla presenza di eventuali accumuli di neve o cornici nelle tipiche localizzazioni quali cambi di pendenza, canaloni, zone sottovento e creste. Prestare anche attenzione all’effetto windchill per l’azione combinata del vento con le basse temperature ed a possibili tratti ghiacciati da affrontare con i ramponi.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.