Arte presa di mira

Coniglietti di ceramica di nuovo in preda ai vandali: uno rubato e due danneggiati ad Albisola. L’artista: “Un grande dispiacere”

Tutte le opere sono dotate di GPS, ora l'appello per ritrovarne una altrimenti verrà fatta denuncia. Le altre due verranno riparate e reinstallate

Generico gennaio 2023

Albisola Superiore. Un’opera rubata, due vandalizzate. E’ quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica. “Un grande dispiacere” commenta Paolo Pastorino, l’artista che ha realizzato le opere, gli “Osvaldo”, o meglio conosciuti come i simpatici coniglietti di ceramica che ormai da un anno colorano la centrale piazza Dante di Albisola Superiore.

“Non è la prima volta che accade” racconta l’artista. Questa volta a essere stata rubata la scultura rossa a forma di coniglio, alta circa 70 cm; a essere vandalizzate invece due altre opere: il coniglietto ispirato a Diabolik e quello giallo. Ora in piazza Dante ne è rimasto solo uno integro, quello verde ispirato al Grinch. Quello che però il responsabile o i responsabili del furto non sapevano è che gli Osvaldo sono dotati di Gps. Il coniglietto rosso è stato infatti localizzato nella vicina Albissola Marina.

“Probabilmente qualche ragazzo/i per fare una bravata o se l’è portato a casa o lo ha gettato da qualche parte in quella zona – afferma Pastorino, in un appello sui social rivolto a tutti -. Se qualcuno lo avesse visto o lo vedrà prossimamente mi può contattare, non è solo un’opera di mia proprietà ma hanno tolto un qualcosa al comune di Albisola e ai suoi cittadini”. Al momento non è ancora stata sporta denuncia, in attesa che qualcuno possa fare un passo avanti.

“Sono molto rammaricata e delusa per questo brutto gesto che colpisce l’arte e la cultura – dichiara Simona Poggi, assessore albisolese alla cultura -. Queste opere andavano ad abbellire uno spazio nevralgico di Albisola, affidato annualmente all’estro degli artisti per renderlo ricco di arte, come da tradizione è votata questa città. Speriamo che l’opera venga restituita, altrimenti l’amministrazione comunale si attiverà per prendere i dovuti provvedimenti e punire questo atto brutto e ignobile”.

Come accennato, questa non è l’unica opera che è stata rubata dall’aiuola, in precedenza ne era stata rubata un’altra e gettata in un giardino di Pegli. In attesa che il coniglietto rosso torni a casa, Paolo Pastorino è già al lavoro per cercare di riparare le altre due opere danneggiate: “Voglio che ritornino in piazza per essere viste da tutti”.

Generico gennaio 2023
Le opere danneggiate

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.