Festa

Villanova, lo spettacolo del Natale diffuso per il paese: presepi in tutte le borgate

Villanova d’Albenga. Sono collocati negli anfratti dei muri in pietra, sono accolti sui davanzali delle finestre, su pozzi antichi, nelle vigne o fra gli scaffali della Biblioteca Civica. E’ record di presepi a Villanova d’Albenga, dove il Comune e la Biblioteca hanno promosso un’esposizione diffusa che ha coinvolto anche la borgate di  Ligo, Marta e Bossoleto con  molto successo.

Nel Borgo in pietra di Bossoleto è record di sacre famiglie grazie alla generosità di Don Gigi che ha messo a disposizione  la sua collezione di più di 150 presepi provenienti da ogni parte del mondo: il sacerdote li ha allestiti nei vicoli, in modo che gli abitanti e i visitatori possano ammirarli e immergersi nell’atmosfera natalizia. Presepi di ogni dimensione. Alcuni più piccoli, trovano spazio nelle nicchie delle mura, altri sulle finestre, sulle scale delle case. Il più grande è allestito sul pozzo di Bossoleto, un altro davanti alla chiesetta in piazza, moltissimi in anfratti accolti dal muschio, dalla paglia o su tavolini appositamente allestiti. Davvero difficile  contarli tutti.

Questo allestimento diffuso è iniziato nella Biblioteca Civica, dove la responsabile Maria Grazia Timo ha posizionato quasi cento presepi di tutte le fogge: di carta, materiali naturali, ceramica, fra cui spicca una preziosa collezione di macachi tradizionali di Albisola. Gli utenti, inoltre, possono scegliere una amplissima gamma di libri a disegni e di storie di natale.

Da visitare anche le sacre rappresentazioni nel Centro ricreativo di frazione Marta, dove sono stati realizzati anche laboratori per bambini e in quello di Ligo.

Anche quest’anno confermato il concorso dei Presepi di Natale realizzati da gruppi formati da nonni e nipoti affinché la creazione sia un momento di relazione fra generazioni.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.