Atmosfera natalizia

Ad Albisola tre presepi tra tradizione e innovazione, assessore Poggi: “Un successo, oltre 500 i visitatori in questi giorni”

Uno a Luceto, uno nell'oratorio di Santa Maria Maggiore e uno nel museo Trucco

Albisola Superiore. A pochi giorni dal Natale, venerdì 23 dicembre, è stata inaugurata la tradizionale mostra di Presepi artistici, organizzata dal CTC Il Castellaro, in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Albisola Superiore, presso l’oratorio di Santa Maria Maggiore. E così la città ora è arrivata a quota tre presepi.

“Dopo due anni di stop forzato, a causa dell’emergenza sanitaria – spiega l’assessore albisolese Simona Poggi – è così ritornata, nella splendida cornice dell’Oratorio, gentilmente messo a disposizione dalla confraternita, l’importante mostra di presepi con opere in ceramica di artisti e maestri artigiani, molte delle quali realizzate nelle manifatture albisolesi. Negli anni l’esposizione è cresciuta e si è arricchita. La presenza di tanti cittadini e turisti, che hanno dimostrato interesse e apprezzamento per la mostra, ha spinto tutti gli organizzatori a continuare la ricerca di opere legate alla tradizione religiosa del presepe, con un rinnovato entusiasmo e con un’attenzione particolare rivolta alle opere in ceramica”.

“E’ stato un successo l’inaugurazione – aggiunge l’assessore alla cultura -: più di 100 i presenti, circa 280 persone, inoltre, hanno visitato la mostra in 3 giorni. Siamo molto orgogliosi di questa partecipazione. Ringrazio di cuore il presidente del CTC Marco Romano e Anna Pescetto che si dedica con impegno e passione all’organizzazione di questa iniziativa”.

All’inaugurazione ha partecipato anche il maestro Salem, cittadino onorario di Albisola, e il Coro Polifonico Città di Albisola Superiore che ha allietato i numerosi partecipanti con una selezione di canti tradizionali del Natale. “Ancora una volta arte, cultura, ceramica e musica hanno creato un’atmosfera magica, contribuendo a rendere ancora più suggestivo l’Oratorio di Santa Maria Maggiore” tiene a dire Poggi. La mostra rimarrà aperta per tutte le festività natalizie, fino all’8 gennaio, con orario 15-18.

“Quest’anno con i presepi si crea un fil rouge che unisce la città tra tradizione e innovazione – aggiunge Poggi -. Qui sono infatti presenti altre due interpretazioni della Natività: a Luceto è tornato visitabile, dopo due anni, il presepe meccanico dei coniugi Piccone, dove è presente una raffigurazione, di circa 130 metri quadrati, della città di Albisola di inizio Novecento con i suoi edifici simbolici come la chiesa di San Nicolò e la villa Gavotti. Ad accogliere i visitatori la signora Maria Merialdo e alcuni volontari. Inoltre, al museo Trucco è allestita la mostra ‘Presepi d’Avanguardia’ con opere di Martini, Tullio d’Albisola, Servettaz e Gambetti, che al momento ha superato le 300 visite “.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.