Intervento

Toti annuncia: “Nella manovra di quest’anno un sostegno per il caro bollette in Liguria”

E in risposta all'appello della Cgil: "Stiamo facendo la nostra parte per ridurre la pressione fiscale sui più deboli"

giovanni toti

Liguria. “Cercheremo di inserire nella manovra di quest’anno anche un sostegno per il caro bollette, la vera emergenza del Paese”. Lo ha annunciato il presidente ligure Giovanni Toti a margine del convegno della Cgil con Maurizio Landini a Sestri Ponente al quale è stato invitato come relatore.

“È altrettanto evidente – ha aggiunto Toti – che deve essere il governo, l’unico che ha titolarità insieme al Parlamento a proporre scostamenti di bilancio o manovre in deficit, visto che agli enti territoriali non è consentito, a dover far propria questa richiesta”. Dal segretario ligure della Cgil Maurizio Calà era arrivato uno specifico appello alla Regione: “Chiediamo di ridurre l’Irpef per i redditi sino a 55mila euro che di fatto comprendono gran parte dei lavoratori e dei pensionati”

“Il Governo deve venire incontro alle necessità delle famiglie intervenendo subito sul caro bollette e sui redditi di lavoratori e pensionati – ha detto Calà nella relazione introduttiva -. Anche Regione ed enti locali possono fare la loro parte abbassando le tasse”. Secondo quanto rilevato dal sindacato, in Liguria la tassazione Irpef è mediamente più alta rispetto ad altre realtà regionali come Lombardia, Marche e Toscana con l’1,7% medio contro il dato ligure del 2,31%.

“Ridurre le tasse è un obiettivo comune del Paese perché la pressione fiscale è molto alta. Tutti chiedono di ridurre il cuneo fiscale: credo che lo sforzo andrebbe fatto sui redditi da lavoro – ha risposto Toti -. Come è noto, la Regione Liguria ha fatto proprio un protocollo che in ogni legge di stabilità ha ridotto la pressione fiscale sulle famiglie più deboli, con figli disabili e tanti figli a carico. La nostra parte, per quanto possibile nell’equilibrio regionale, la stiamo facendo, a tutela dei redditi più deboli. In ogni caso – ha detto il governatore – ogni riduzione della pressione fiscale io la vedo positivamente”.

E su Pnrr: “Oggi ci troviamo davanti a un momento altrettanto complesso: siamo all’inizio della fase di applicazione del Pnrr, ed è vero che alcuni investimenti sono partiti in ritardo, con poche risorse destinate per esempio alla crisi energetica, ed è anche vero che sul fattore umano si è investito ancora poco. In questo momento – ha aggiunto il presidente Toti – dobbiamo correre perché sarebbe un fallimento per tutti se il Pnrr si trasformasse in un semplice spostamento di spesa. Per questo è importante aumentare la capacità di spesa di questo Paese, e per farlo abbiamo bisogno di un approccio nuovo alla spesa pubblica che se non passa dal dialogo tra la pubblica amministrazione e le grandi organizzazioni sindacali, e poi le associazioni datoriali, credo sarà difficile da portare a termine, e, invece, ne abbiamo uno straordinario bisogno. A questo si aggiunge la programmazione dei fondi europei 2021-2027, altra attività fondamentale dei prossimi mesi, soprattutto per quanto riguarda la formazione professionale che è la vera chiave che ci potrà permettere di svoltare. È da qui che passa la reale possibilità di ridurre il tasso di disoccupazione”.

“Anche alla luce del Pnrr – ha detto ancora il presidente Toti – è arrivato il momento di riqualificare e ridisegnare il nostro sistema sanitario perché oggi abbiamo una carenza di infermieri e di medici che non si colmerà nei prossimi anni, qualunque sia il bilancio che lo Stato metterà a disposizione del sistema sanitario nazionale, e dunque regionale. Regione Liguria ha bandito un grande concorso per infermieri e uno per Oss in questa regione ma il nodo è che ci sono meno medici e infermieri di quanti di quanti servirebbero”.

leggi anche
Generico novembre 2022
Appello
La richiesta della Cgil alla Regione: “Ridurre l’Irpef per i redditi fino a 55mila euro”
levante savonese
Iniziativa
Il caro energia come l’emergenza Covid, il levante savonese: “Alberghi e attività chiuse, serve un fondo di aiuto”
unoenergy cauzioni
Eclatante
Caro energia, il caso Saettone approderà in Parlamento: Pirondini (M5S) annuncia interrogazione urgente

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.