Testimonianze

Stella ricorda Sandro Pertini, il cognato: “Un uomo profondamente sensibile. Qui ha vissuto un’infanzia difficile”

"Un rapporto stretto con la sua terra e la sua famiglia, anche con idee diverse"

Stella. “A 32 anni dalla sua scomparsa ricordo quando Sandro riviveva nella mente la sua infanzia, quando mi parlava dei suoi fratelli, della sua mamma, della sua Stella. Un rapporto stretto con la sua terra che gli ricordava le origini, la sua famiglia, momenti sereni ma anche tristi”.

Ricorda così Umberto Voltolina, cognato di Sandro Pertini, una delle poche figure ad aver avuto l’onore di conoscere da vicino – in famiglia – “una persona che dietro alla sua schiettezza ligure, aveva profonda sensibilità“, il vero volto del presidente più amato dagli italiani.

Ma al convegno Pertini a Stella, storie e testimonianze, inserito nella tre giorni di festeggiamenti per ricordare il presidente più amato dagli italiani, è intervenuta anche Sandra Isetta, figlia del migliore amico di Pertini: “Con mio padre ha avuto un rapporto di amicizia viscerale, fin da quando erano ragazzi” ricorda lei.

“La sua vita ha ricoperto quasi un secolo – riprende Isetta -. Sono poche le biografie che ci offrono il ritratto veritiero di Pertini, una di queste è Sandro Pertini. Gli anni giovanili di Giuseppe Milazzo. Un fratello fascista, un altro che si stava avvicinando al fascismo, la madre rigida e profondamente cattolica, il padre, dolcissimo, mancato quando Sandro era ancora un bambino…”.

“Sandro è stato molto tempo lontano dalla sua famiglia, così ha potuto sviluppare un pensiero avverso. E’ stato scioccante quando, dopo la morte del padre, ha confessato alla madre di non credere nel Cristianesimo, rifiutandosi di andare in Chiesa – racconta Giuseppe Milazzo -. Questa scelta ragionata veniva fuori da una serie di esperienze vissute durante l’infanzia”. “Ma Sandro non aveva perso la fede – specifica Isetta -, l’aveva rivolta verso altro, verso la politica, la sua era fede socialista“. “Pertini sintetizzava la sua vita dicendo ‘Il cristianesimo di mia mamma mi ha insegnato ad amare i poveri, il socialismo a difenderli’” aggiunge Voltolina.

Il cognato dell’ex presidente stellese ricorda ancora: “Negli ultimi tempi, quando Sandro non poteva più muoversi perché aveva passato i 90 anni, io andavo tutti i mesi a trovarlo a Roma e quando venivo a Stella mi diceva di portare al cimitero un fiore anche per Don Alessandro Cerruti, il parroco che l’aveva battezzato. In questa pietas nel ricordare un personaggio lontano da lui, un parroco dell’Ottocento non concorde alle sue idee sovversive, racconta molto della personalità di Sandro”.

Poi un altro aneddoto che fa venire i brividi: “Sandro era melanconico, era molto legato anche al fratello Eugenio, che era stato giustiziato nel campo di sterminio di FlossenbŒrg. Era il 25 aprile – racconta Umberto Voltolina, le parole quelle di Sandro -, forse il giorno più esaltante della mia vita, quando si erano realizzati i miei sogni, la libertà dell’antifascismo. Nella stessa ora e nella stessa piazza in cui incitavo alla liberazione mio fratello Eugenio veniva assassinato nel campo di concentramento”. “Tanti altri gli episodi che potrei citare, ma questi fanno capire perfettamente che tipo di persona era Sandro” conclude Voltolina.

Quello organizzato questa mattina a Stella, nella sala polifunzionale di San Giovanni, “un convegno per far riviere un personaggio della storia nel suo luogo del cuore, la sua Stella, senza innalzarlo su un piedistallo, ma raccontandolo nella sua persona più intima e nella sua sensibilità” sottolinea Milazzo.

Il sindaco Andrea Castellini, in occasione, ha affermato: “Non ho avuto l’onore di conoscere personalmente Sandro Pertini, ma ho imparato a conoscerlo grazie ai libri, ai film, grazie a testimonianze dirette come queste. Felice di essere qui e di promuovere eventi di questo genere“. E domani un altro evento importante per Sandro Pertini, l’inaugurazione della sua statua.

Più informazioni
leggi anche
statua pertini stella
Il più amato
Stella, il 6 novembre l’inaugurazione della statua dedicata a Pertini: tre giorni di eventi per ricordare l’ex Presidente

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.