Temi spinosi

Regione, polemica per un ordine del giorno del centrodestra: “Basta antisemitismo al corteo del 25 aprile”

L'opposizione: "Una provocazione politica, non accettiamo lezioni di antifascismo"

Generico novembre 2022

Liguria. Quest’oggi il consigliere regionale Angelo Vaccarezza (Cambiamo con Toti) ha presentato un ordine del giorno che impegna l’assemblea legislativa non solo a condannare Hamas e il terrorismo contro Israele, ma anche a contrastare “episodi di antisemitismo e antisionismo al corteo del 25 aprile e in altre occasioni”.

“In più di una volta, durante le manifestazioni del 25 aprile, abbiamo assistito al verificarsi di atti antisemiti e manifestazioni d’odio e intolleranza contro Israele, contro gli ebrei e anche nei confronti della Brigata Ebraica“, ha spiegato Vaccarezza.

Inevitabili le polemiche in aula su quella che i consiglieri di opposizione hanno definito una “provocazione politica“. Il documento, che era stato redatto in occasione degli attentati a marzo a Beersheva, Hadera, Bnei Brak, Ramat Gan e Tel Aviv, è stato approvato con 15 voti favorevoli (un voto in meno rispetto alla maggioranza di centrodestra) mentre l’opposizione non ha partecipato alla votazione.

Per Ferruccio Sansa dell’omonima lista e Luca Garibaldi, capogruppo del Pd, si tratta appunto di una provocazione: “Non accettiamo da voi lezioni di antifascismo”, ha attaccato il consigliere dem annunciando che il gruppo non avrebbe votato il provvedimento.

In questo ordine del giorno “c’è un minestrone di tutto”, ha osservato Gianni Pastorino di Linea Condivisa ricordando anche “le condizioni in cui vive il popolo palestinese”. “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”, ha commentato Fabio Tosi, capogruppo M5s, che ha stigmatizzato il riferimento a un tema “che va oltre i confini europei con una provocazione molto forte, quella sul 25 aprile”.

L’ordine del giorno impegna tutto il Consiglio regionale “a esprimere ferma condanna verso gli attentati contro lo Stato di Israele e, al pari, verso il gruppo terrorista Hamas e tutti coloro che hanno esultato per la strage di innocenti” e “a esprimere la piena e totale solidarietà allo Stato di Israele, unico Stato democratico in tutto il Medio Oriente“.

leggi anche
Bandiera Israele
Vicinanza
Attentati a Gerusalemme, Vaccarezza: “Una scia di sangue innocente, uniti e compatti a sostegno di Israele”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.