Eccellenza

Finale vs Albenga, Ferraro e Buttu incontrano il proprio passato: ma quanti altri ex

Fischio d'inizio domenica alle ore 15 presso lo stadio Ellena di Loano per un incontro ricco di intrecci e che non preclude alcun risultato

Generico novembre 2022

Loano. Quando si incontrano Finale e Albenga è sempre da considerarsi una partita agonisticamente divertente. Quest’anno ha preso ancor di più valenza per un intreccio di passati e storie che la rende una vera e propria “sfida degli ex“.

Lo scambio di panchine

La scorsa estate è stata quella dell’arrivo di Simone Marinelli alla guida del club bianconero. Un nuovo ciclo che si è aperto con l’ufficialità in panchina dell’ingauno Pietro Buttu, da poco dimessosi dal Finale, con il quale ha scritto importanti pagine di sport dilettantistico nella sua gestione durata più di un decennio.

Al suo posto è arrivato l’espertissimo Flavio Ferraro, reduce proprio dalla metà stagione ad Albenga dove è arrivato secondo ai playoff per andare in Serie D. Per il “Baffo” si è trattato di un ritorno, siccome in giallorossoblù c’era già stato una ventina d’anni fa.

Per Buttu quello per Finale è un amore lungo e ricco di storie, mentre Ferraro in bianconero ha potuto godere, per quanto sia stato bello, di un “amore estivo” come lui stesso definii.

Insomma, domenica si incroceranno, a casacche invertite, con la voglia di farsi uno sgambetto sportivo.

Finisce qui la lista? Assolutamente no..

Il fronte finalese con richiami ingauni

Una stagione partita in ritardo e con una ricostruzione della rosa pressoché totale. Il Finale ha dovuto muoversi sul mercato in maniera rapida e mirata, riuscendo a mettere in piedi una squadra giovane ma con alcuni punti di riferimento d’esperienza.

La squadra mercato finalese è guidata dal DG Roberto Belvedere, che può avvallarsi della collaborazione di un altro ingresso dirigenziale, ovvero Cosimo Nuzzo. Entrambi provengono dagli uffici dell’Annibale Riva, quindi anche per loro si tratta di una sfida da ex.

Oumaro e Issa Coulibaly, Elvis Metalla e Andrea Belvedere sono i nomi dei giocatori che hanno vestito bianconero in passato. Ma attenzione al nome di capitan Lorenzo Scalia, una vita a Finale ma anche lui è stato all’Albenga nella stagione 2019/2020.

Il fronte ingauno con richiami finalesi

Una sola sconfitta in dodici giornate, dieci punti di distanza dalla Cairese seconda in classifica e con giovani calciatori sempre più in crescita. Un avvio migliore di questo era davvero difficile immaginarselo in casa Albenga.

Il contatto tra Buttu e l’Albenga ha portato ad un matrimonio la cui realizzazione che è sempre stato destino. Un ingauno di sangue ad allenare la squadra della propria città, tutto collegato. Assieme a lui è arrivato il Team Manager Viviano Rolando, ex direttore sportivo del Finale e una vita tra i campi di zona. Anche per lui si tratta di un ritorno in bianconero, essendoci stato come allenatore e vivendo nel territorio albenganese. Ma non finisce qui. Stefano Ancona, noto preparatore dei portieri locale, ha fatto il medesimo percorso dei due.

La rosa presenta diversi ex di spessore che vinsero l’Eccellenza e arrivarono ai playoff di Serie D, come Santiago Sogno, Filippo De Benedetti, Tommaso Scarrone e Andrea Anselmo. C’è spazio per una nuova figura del centrocampo della passata gestione finalese di Buttu, ovvero Luca Garibbo.

Niente Borel, si gioca all’Ellena

A causa dell’inagibilità della tribuna dell’impianto finalese, la partita si dovrà disputare presso il campo sportivo loanese.

Uno stadio che comunque riporta altri ricordi nella mente di Flavio Ferraro e Viviano Rolando, che nella vecchia “Loanesi” hanno trascorso anni di calcio, arrivando alla storica promozione in Serie D.

Fischio d’inizio alle ore 15 per questo incontro ricco di intrecci e che, nonostante la netta differenza in classifica, non preclude alcun risultato.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.