Scarpini al chiodo

Calcio. Si ritira Francesco Virdis, l’ex bomber del Savona in Serie C

Più di sessanta reti in biancoblù con tanti bei ricordi lasciati nei tifosi savonesi. Ora farà parte dell'area tecnica dell'Asti

Virdis

Savona. Una notizia da fuori regione ma che colpisce direttamente la Liguria e, in particolare, la città di Savona. Francesco Virdis si è ritirato ufficialmente dal calcio giocato, entrerà a far parte dell’area tecnica dell’Asti, società di Serie D nella quale militava.

Il comunicato del club:

“Dopo una lunga carriera che lo ha visto emergere, nei suoi 22 anni di esperienza sul campo, tra Serie C2, C1 e B, per poi militare, negli ultimi cinque anni, nel massimo campionato dilettantistico, collezionando un indiscusso numero di goal, che lo hanno reso eccellente attaccante di ogni categoria frequentata, Francesco Virdis assume da oggi una nuova posizione all’interno della società A.S.D. Asti e, in senso più lato, nel mondo sportivo.

Nominato Collaboratore dell’Area Tecnica, Francesco lavorerà a fianco della Direzione Sportiva sia per quanto concerne la Prima Squadra sia per quanto riguarda il settore giovanile, costituendo un’importante risorsa per la società.

Nel ringraziarlo per il lavoro svolto finora in qualità di calciatore, la società augura un grande in bocca al lupo a Francesco per il nuovo ruolo”.

L’attaccante sardo classe 1985 in biancoblù ha realizzato un totale di 119 presenze con oltre 60 gol. Stagioni esaltanti tra il 2012 e il 2014, in Serie C1 e C2, lo hanno portato a diventare uno dei giocatori più importanti degli ultimi tempi per il club, che vedeva in lui come una sicurezza in zona offensiva. Nel Savona ritornerà in Serie D nella stagione 2018/2019, dove realizzerà 17 reti riscattandosi dall’infelice metà stagione trascorsa al Finale di Buttu, conclusasi con la retrocessione in Eccellenza.

Insomma, per il tifoso savonese Virdis fa parte del cassetto dei ricordi positivi di una realtà completamente diversa da quella attuale e che dieci anni fa, con un Bacigalupo utilizzato e stracolmo di gente, era partecipe al movimento calcistico professionistico. Da oggi, quindi, il bomber di Ozieri cambierà vita sportiva, ma sotto la torretta non si dimenticherà mai quella sua esultanza a braccia aperte ripetuta per più di una sessantina di volte.

leggi anche
Generico novembre 2022
Tra passato, presente e futuro
Calcio. Francesco Virdis e l’eterno amore per Savona: “Il Bacigalupo era come casa mia”
Generico novembre 2022
Icona savonese
Calcio. Francesco Virdis e l’eterno amore per Savona: “Il Bacigalupo era come casa mia”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.