Eccellenza

Calcio, Finale. Illiante sprona ma il mare è più mosso del solito

Quattro giornate a secco di punti e una panchina meno salda del previsto: continua il momento negativo per la squadra finalese

Finale Ligure. Con l’Arenzano è arrivata la quarta sconfitta consecutiva per i finalesi. Un periodo veramente complicato che li ha proiettati al terz’ultimo posto a pari merito con il Rapallo, un punto sopra al Taggia e due in meno rispetto a Busalla e Sestrese.

Una classifica davvero corta, considerando che a tre punti c’è uno scalo di ben sei posizioni, ma che non può fare copertura alle difficoltà del Finale.

Uno degli uomini più esperti, ovvero il portiere Massimiliano Illiante, ha voluto sottolineare la compattezza del gruppo squadra, anche nei diversi errori collettivi commessi nell’arco della partita: “Non siamo affatto morti e c’è stata una reazione importante dopo il gol preso. Abbiamo voglia di fare e siamo tutti uniti per cercare di stare attaccati alle altre formazioni. I giocatori ci sono ma manca tanta esperienza, con almeno due giocatori di livello potrebbe cambiare qualcosa. Però penso che, al momento dell’apertura del mercato, dovremmo arrivarci con qualche punto in più“.

Per essere una formazione creata in brevissimo tempo, nonostante l’esperienza giudicata ancora non sufficiente, la squadra finalese ha iniziato il campionato come in pochi si sarebbero immaginati. C’è da ricordare, tuttalpiù, la presenza di diversi giovani interessanti e di prospettiva. Per fare qualche nome, Brollo, Risso Chiarlone e Cristaldi inseriti dal mercato, Renda, Stagnaro, Paniate e Mondino provenienti dal settore giovanile. Manca ancora qualcosa? La risposta è sì, soprattutto in zona offensiva dove il solo Metalla non può bastare, ma la base su cui lavorare non è affatto da fanalino di coda.

Dicembre, come detto, si avvicina ma l’attuale situazione del Finale non permette di poter pensare altro che non sia al fisso presente. “Se io fossi il presidente del Finale esonererei l’allenatore perché, dopo quello visto a Cairo, ripresentare determinati giocatori in campo è stato un delitto“. Questo è stato uno spezzone delle parole di Flavio Ferraro dopo la partita, una pungente dichiarazione che può far intendere quanto il mare attorno al porto giallorossoblù sia tutt’altro che tranquillo.

Quindi nel giro delle prossime ore si attenderanno novità proprio in relazione alla panchina finalese che, considerando il precedente virgolettato, si può dedurre possa essere meno salda del previsto. In vista c’è la sfida alla capolista Albenga, guidata dall’ex Pietro Buttu, che molto probabilmente verrà disputata allo stadio Ellena di Loano. Anche su quello, ovviamente, seguiranno aggiornamenti.

 

 

 

 

leggi anche
Seconda Categoria B: San Francesco Loano vs Spotornese
19/20 novembre
Risultati e classifiche di Eccellenza, Promozione, Prima Categoria e Seconda Categoria
Generico novembre 2022
Amarezza
Calcio, Finale. Ferraro tuona contro alcuni giocatori: “Sono da esonero per averli rimessi in campo dopo Cairo”
Arenzano
12ª giornata
Eccellenza, quarta sconfitta consecutiva per il Finale: l’Arenzano vince 1 a 0

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.