Mozione

Borghetto, la minoranza alla giunta: “Serve un piano pluriennale per l’eliminazione delle barriere architettoniche”

I consiglieri del gruppo misto Rocco e Sarpero: "Alcuni bagni pubblici non possono essere utilizzati dai disabili"

barriere architettoniche

Borghetto Santo Spirito. “Sembrerebbe assurdo ma non lo è il fatto che attualmente sono presenti alcuni bagni pubblici che non possono essere utilizzati dalle persone diversamente abili”. Lo affermano i consiglieri del gruppo misto di Borghetto Santo Spirito, Giorgia Rocco e Franco Sarpero, che hanno depositato presso la segreteria comunale una mozione per impegnare l’amministrazione alla redazione di un piano pluriennale per l’eliminazione delle barriere architettoniche.

“Il grado di civiltà di un Comune – sottolinea la minoranza – si evince dalle modalità con cui vengono considerate le fasce più deboli. Molte sono le persone in difficoltà alle quali dovrebbero essere garantiti gli stessi diritti che vengono garantiti agli altri cittadini che possiamo considerare ‘normotipici’ affinché ogni patologia di disabilità o ogni tipo di disagio non si trasformi in un handicap insuperabile e permanente nel tempo”.

“Le persone con disabilità – concludono Rocco e Sarpero – sono appunto persone, cittadini, uomini che come tutti hanno diritto allo svago, a poter viaggiare, a potersi acculturare, a poter ammirare sculture, quadri, resti di antiche civiltà, paesaggi, oasi, o navigare in mare aperto. Purtroppo in moltissimi casi tutto questo resta per lo più un miraggio, un sogno con veramente pochissime eccezioni”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.