Squadra

Anpas Liguria, Nerio Nucci alla guida del movimento delle pubbliche assistenze per i prossimi 4 anni

Eletto nel direttivo anche il savonese Gabriele Marino Noberasco (Croce Bianca Savona), vicepresidente Guido Bragoni

nerio nucci - presidente anpas liguria

Liguria. Cambio ai vertici di Anpas Liguria: a guidare il movimento delle pubbliche assistenze Anpas della nostra regione sarà Nerio Nucci, storico volontario della Pubblica Assistenza di Lerici. Nucci succede a Lorenzo Risso che presiedeva Anpas Liguria dal 2014.

Così ha deciso, il 21 novembre, il Consiglio Regionale risultante dalle elezioni del 6 novembre scorso riunito in prima seduta. Oltre all’elezione del presidente, sono state nominate anche le nuove cariche istituzionali riguardanti l’Ufficio di presidenza e la Direzione regionale.

Nel dettaglio, Guido Bragoni (Croce Blu Castelletto) è stato nominato vicepresidente, mentre Diego Marrese (Croce Bianca Imperia) segretario. Fanno parte della direzione anche Patrik Balza (Croce Verde Pra), Stefano Brunetti (Croce Verde Genovese), Luciana Castagna (Misericordia et Olmo Sarzana), Gabriele Marino Noberasco (Croce Bianca Savona), Matteo Rica (Croce Verde Sestri Ponente) e Stefano Sala (Croce d’Oro Sciarborasca).

Nerio Nucci è nato in Australia 63 anni fa e vive attualmente in una piccola frazione di Lerici. Da pochi mesi si è ritirato dal lavoro dopo oltre quarant’anni di servizio presso una multinazionale estera come responsabile dell’ufficio pubblicazioni tecniche e formazione. Iscritto alla Pubblica Assistenza di Lerici nel maggio del 1976, subito dopo l’evento del terremoto in Friuli, da allora l’operatività in quest’ambito ha sempre influenzato la sua vita: un lungo percorso, tutt’ora in corso, con lo scopo di imprimere alle nuove generazioni il valore della gratuità e contribuire attivamente a questo fondamentale insegnamento, dedicandosi principalmente alla formazione dei volontari nell’ambito della cultura alla protezione civile.

“Il nostro obiettivo – dichiara Nucci – non sarà quello di limitarci al soccorso e alle nostre consuete attività, ma far fronte anche alle nuove richieste di aiuto da parte dei cittadini che l’attuale contesto sociale fa emergere. Mai come oggi dobbiamo ricordare i nostri principi ispiratori e interrogarci sul nostro ruolo nel futuro: dobbiamo rinforzare le relazioni con il territorio, dare il nostro contributo in una società in cui i livelli essenziali di assistenza assumono un ruolo sempre più importante in uno scenario dove le persone devono far fronte a sempre crescenti difficoltà. Sarà un lavoro difficile, ma avrò il supporto di un’ottima squadra con la quale lavorerò a stretto contatto per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti. Desidero infine rivolgere i più sentiti ringraziamenti al Presidente uscente Lorenzo Risso ed esprimergli la più viva gratitudine per la passione, l’impegno e i risultati che ha ottenuto nei molti anni durante i quali è rimasto al vertice del nostro movimento.”

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.