Stop

Rissa e liti tra avventori, alcol a minori e non solo: il Questore chiude un locale di Alassio per 7 giorni

Si tratta dell'Ubrecche. Determinanti due episodi: l’aggressione subita da un giovane e le molestie fisiche e verbali di un dipendete ad alcune ragazze

Generico ottobre 2022

Alassio. Nell’ottica del contrasto alla mala movida, il Questore di Savona ha già da tempo disposto l’intensificazione dei dispositivi di controllo del territorio, con conseguente implemento delle verifiche nei locali pubblici della Provincia, anche attraverso la Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale, con una particolare attenzione per bar, discoteche, locali e altri luoghi di aggregazione. 

In tale contesto si inserisce l’emissione  del provvedimento di sospensione della licenza relativa all’attività di trattenimenti danzanti e connessa somministrazione di alimenti e bevande, nei confronti di un locale del centro di Alassio, ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, notificato oggi dai poliziotti del Commissariato di Alassio.

Si tratta dell’Ubrecche per il quale sono stati disposti sette giorni di chiusura, in virtù di una serie di elementi, in particolare i numerosi interventi delle FF.OO. a seguito di segnalazioni per rissa, liti fra gli avventori, disturbo della quiete pubblica, somministrazione di alcolici a minori, che hanno fatto emergere una serie di criticità e di problematiche legate alla gestione del locale ed ai suoi frequentatori. 

Sono state inoltre determinanti le valutazioni inerenti un episodio in cui un giovane ha subito lesioni gravi per un’aggressione iniziata all’interno del locale, tanto da dover richiedere l’intervento sanitario ed un successivo, più recente, nel quale un soggetto, indicato come dipendente del locale, aveva molestato verbalmente e poi fisicamente alcune ragazze.

“In tutte le occasioni il titolare non si è dimostrato sufficientemente collaborativo e comunque rispettoso del norme comportamentali previste per la gestione di un pubblico esercizio in quanto non ha mai allertato o richiesto interventi delle FF.OO. quando necessario”. 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.