Promozione

Pietra Ligure in Coppa con la Praese: trovare solidità in vista del campionato è l’obiettivo

Contro la Baia Alassio i biancocelesti erano chiamati ad una vittoria senza sbavature. Stasera un bel banco di prova per mantenere il ritmo

Generico ottobre 2022

Pietra Ligure. Una stagione delicata quella del Pietra: dopo la retrocessione dello scorso anno, immeritata sotto molti aspetti, il club è chiamato ad una pronta risalita. La squadra è attrezzata ma l’inizio di stagione è stato a luci ed ombre. Passaggi iniziali cruciali che la società ha deciso di vivere, dall’immediato dopogara contro la Golfo Dianese, in silenzio stampa. Ma a che punto è la squadra di Pisano?

Il campionato di Promozione sta vivendo un avvio dal grandissimo equilibrio, come per tutta l’estate si è detto in tutte le salse in commercio, ma anche inventandone di nuove. La classifica è così raccolta: Praese e Ventimiglia 10; New Bragno e Ceriale 8; Serra Riccò e Borghetto 7; Campese e Pietra Ligure 6; Sampierdarenese 5; Ospedaletti, Celle Varazze e Carcarese 4; Golfo Dianese e Legino 3; Baia Alassio e Borzoli 2.

Certo, è ancora completamente prematuro (al limite della follia) andare ad analizzare numeri e distanze, anche perché nel calcio non sono solo questi fattori a contare.

Contro la Baia Alassio i biancocelesti erano chiamati ad una vittoria senza sbavature, e così hanno fatto: due reti e porta inviolata. Soffermarsi però sul numero di gol segnati sarebbe superfluo e poco attinente siccome, come detto prima, i numeri sono importanti ma fino ad un certo punto.

La gestione. Sì, quello è il punto cardine per una squadra con ambizioni alte. In casa Pietra è questo il tema principale: nei primi incontri il gioco è stato sviluppato bene, organizzato e a buoni ritmi, ma è proprio in fase di lettura situazionale che la squadra di Pisano non è stata completamente lucida.

Nella prima giornata contro il Serra Riccò l’espulsione di Ayalas ha mandato in confusione l’intero assetto, che poi si è ritrovato immediatamente in svantaggio dopo una gara in controllo.

Lo aveva sottolineato anche il tecnico andorese nell’ultima conferenza: “Non possiamo permetterci cali di tensione del genere, un primo campanello di allarme che ci fa capire quanto si faccia fatica quando si esce dallo spartito. Solo il Pietra Ligure è l’avversario del Pietra Ligure.

Poi la trasferta a Diano Marina, ma anche in quel frangente su un rassicurante 0-3 , dopo aver dominato per gran parte del tempo, si rischia di compromettere il risultato andando sul 2-3 con ancora quindici minuti da giocare. La partita finirà così, tuttavia il pericolo si è nuovamente palesato.

A Genova Prà una sconfitta per un gol al novantesimo dopo una buona prestazione. Insomma, al Pietra serviva fare una vittoria senza correre rischi per poter riprendere il proprio cammino.

RITROVARE UN “PIETRA ROCCIOSO”

Torna la Coppa Italia di Promozione con il secondo girone. Il Pietra se la vedrà al De Vincenzi contro la Praese alle 20:30, per poi affrontare la Carcarese al Corrent e l’Ospedaletti nuovamente in casa.

Un bel banco di prova per poter mantenere il ritmo e trovare una propria continuità, di rendimento e di risultati. Nella prima fase della competizione, i biancocelesti sono riusciti a trovare un buon mix tra gioco e mente, mostrando a pieno tutte le qualità presenti nella rosa.

E già da stasera potrebbe essere importante ritrovarlo, contro un avversario più ostico rispetto alla Baia e che attualmente occupa la vetta della classifica.

Le distanze sono e presumibilmente saranno brevissime, sarà la testa a fare la differenza.

 

 

leggi anche
Coppa Liguria: Letimbro vs Savona
1/2 ottobre
Calcio, risultati e classifiche di Eccellenza, Promozione, Prima Categoria e Seconda Categoria
Generico ottobre 2022
Triplice fischio
Promozione, Ballone e Varaldo firmano la vittoria del Pietra sulla Baia

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.