Provvedimento

Incendi boschivi, dal 10 ottobre cesserà lo stato di grave pericolosità. In Liguria bruciati circa 1000 ettari

Regione: "Nonostante ciò, si raccomanda di prestare sempre la massima attenzione"

Incendio nell'entroterra di Albenga: vigili del fuoco mobilitati

Liguria. Regione Liguria ha decretato la cessazione, a partire lunedì 10 ottobre e per tutto il territorio regionale, dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, scattato il 24 giugno.

“Un plauso e un ringraziamento va alla Protezione Civile, ai Vigili del Fuoco, a tutti gli operatori e ai volontari che in questa estate difficile per la Liguria hanno lavorato per difendere il nostro territorio – hanno spiegato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone -. Quest’anno sono bruciati intorno ai mille ettari di territorio e solo un’attenta attività anche di coordinamento e il grande lavoro svolto da tutti gli operatori ha evitato un bilancio più grave”.

Lo stato di grave pericolosità prevedeva il divieto di accendere qualsiasi tipo di fuoco, sia pirotecnici, sia per l’abbruciamento di materiale vegetale. “Nonostante ciò, si raccomanda di prestare sempre la massima attenzione ogni volta che si bruciano sfalci o che si svolgono attività in grado di provocare scintille o fiamme nei pressi di un bosco”, hanno concluso dalla Regione.

In provincia di Savona si ricorda il devastante incendio nel comprensorio ingauno di inizio agosto. Poi sono seguiti un altro rogo nell’entroterra di Varazze e nel giro di 4 giorni intorno alla metà di settembre tre incendi tra Alassio e Laigueglia.

leggi anche
Incendio a Laigueglia
Meglio delle aspettative
Incendio Laigueglia: bruciati decine di alberi, la dependance di un hotel e mezzi agricoli. Il sindaco: “Ce la siamo vista brutta”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.