Si parte

Frontespazio, al via gli incontri tra i savonesi per confrontarsi sul futuro di Palazzo Santa Chiara: “Spazi di condivisione” fotogallery

Il sindaco: "Vedere tante persone animare questo cortile è emozionante"

Savona Santa Chiara percorso partecipativo Frontespazio

Savona. Sono iniziati questa mattinia gli incontri di Frontespazio, il percorso partecipativo sul restauro di Palazzo della Rovere che ha coinvoto i savonesi. Presenti circa 160 persone, suddivisi in tre gruppi di lavoro.

“Spazi di condivisione” è il minimo comune denominatore tra i desideri espressi dai savonesi che hanno aderito. I partecipanti hanno scritto i loro pensieri su post-it per condividere le idee all’interno del gruppo. “Aperto tutti i giorni a partire da domani mattina”, “Spazio d’ascolto”, “Eliminare le barriere”, “Vorrei uno spazio dove esistano collaborazione, disponibilità, accettazione”, “Accessibilità per tutti”, “Un luogo accogliente per bambini e famiglie”, “Aiutare donne e uomini a superare gli stereotipi di genere”, “Luogo di incontro tra persone diverse”, “Rinunciare al personale per il collettivo” sono alcune delle scritte riportate.

I temi sono palinsesto culturale durante la fase di cantiere, la nuova identità del Palazzo e cosa simboleggia per i savonesi, i servizi di comunità che ospiterà. Il processo partecipativo è guidato dalla società Itinerari Paralleli. Ogni tavolo si riunisce tre volte: oggi, il 12 e il 19 ottobre. L’incontro di oggi serve a individuare una sfida. Il secondo incontro servirà a entrare nel dettaglio del servizio. Il terzo invece dà una forma all’idea e concretezza.

Al termine dei tre incontri la società si occuperà di redarre un documento che sarà dato all’amministrazione comunale. Poi il Comune dovrebbe tenere conto di quello è emerso, anche se non è vincolante.

Soddisfatto il sindaco di Savona Marco Russo: “Sono state due giornate molto positive. C’è stata tanta partecipazione sia ieri che oggi. Vedere questo cortile animato da moltissime persone, immpegnate a discutere tra loro per dare il contributo al futuro di questo importante complesso è emozionante. Il solo fatto di aprire i cancelli attrae savonesi e turisti che spinti da un’attrazione naturale sono indotti ad attraversare questo spazio“.

“E’ solo l’inizio di un percorso che dovrà coinvolgere ancora più savonesi a partire dalle scuole perchè noi dovremmo non soltanto completare il recupero edilizio del palazzo ma soprattutto prepararci a renderlo vivo e cuore pulsante della città“.

Andrea Canziani, architetto del ministero della cultura – alla serata di presentazione del percorso -, ha sottolineato che “diventerà qualcosa di completamente diverso senza cambiare. Noi dobbiamo aggiungere la nostra parte”.

Mercoledì inizieranno le indagini strutturali e poi seguiranno quelle geognostiche propedeutiche per la progettazione. Dureranno circa due settimane e l’esito definitivo sarà acquisito dai progettisti.

leggi anche
Palazzo Santa Chiara Palazzo della Rovere Savona
Tour
Palazzo Santa Chiara, in autunno al via il processo partecipativo per definire le destinazioni di alcuni spazi
Palazzo Santa Chiara
Restyling
“Un giorno storico”: ecco come diventerà Palazzo Santa Chiara entro il 2026
palazzo santa chiara della rovere savona
Tesoro
Savona, la giunta Russo approva il progetto per il recupero di Palazzo Santa Chiara: la presentazione in un’assemblea pubblica

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.