Serie d

Calcio: Vado-Ligorna 2-4, i gol e le espulsioni contestate (VIDEO)

La squadra del presidente Franco Tarabotto, in 8 uomini per gran parte del secondo tempo, recrimina sulla condotta dell'arbitro. Le immagini confermano i dubbi

Generico ottobre 2022

Vado Ligure. Nella decima giornata del campionato calcistico di Serie D, girone “A”, il Vado capitola fra le mura amiche, perdendo 2 a 4 contro il Ligorna. È il primo k.o. in campionato allo stadio “Ferruccio Chittolina”. Un risultato che lascia l’amaro in bocca ai rossoblu per il modo e l’andamento con cui è maturato.

Nella prima frazione i vadesi fanno la partita. Palleggiando stabilmente nella metà campo avversaria e collezionando calci d’angolo.

Il Ligorna accorto e schierato con una difesa a 5, chiude gli spazi e sfrutta con proverbiale cinismo le opportunità concesse in contropiede, grazie alla rapidità dei propri attaccanti. E una retroguardia, quella del Vado, apparsa oltremodo passiva nel raddoppiare sui tiri della media distanza.

A sbloccare il parziale sono infatti i genovesi. Con Cericola, abile a sfruttare un’azione personale di Di Masi sulla sinistra. Poco dopo i padroni di casa pervengono al pareggio, con un tiro di Capra dai venticinque metri.

Il Ligorna si riporta però subito in vantaggio, con Gerbino e a seguire trova addirittura il tris, con l’ispirato Cericola (già giustiziare dei vadesi nel turno d’agosto di Coppa Italia) . Nel mezzo, un ottimo intervento del portiere genovese Atzori su una sassata di Capano.

A 5′ dalla fine del primo tempo il Vado rimane in dieci uomini. Castelletto, già ammonito, si scontra con Bacigalupo. L’arbitro estrae il secondo cartellino giallo. La decisione in questo caso risulterebbe corretta; l’azione – come confermano le immagini – è tuttavia viziata da un precedente fallo degli ospiti non fischiato.

A inizio ripresa il Vado, col giocatore in meno e sotto di due reti (1-3), prosegue nel suo dominio sterile.

Accorcia le distanze con Lo Bosco, il quale trasforma un calcio di rigore conquistato da Adusa.

Intorno all‘ora di gioco, quando l’inerzia della sfida sembra poter cambiare, sale in cattedra l’arbitro. Il signor Esposito della sezione di Napoli. Protagonista, suo malgrado, di alcune decisioni platealmente contestate dai locali.

La squadra di Didu nel giro di tre minuti rimane infatti addirittura in otto uomini (tre espulsioni), in una gara fino a quel momento giocata assai correttamente da entrambe le compagini.

Vengono infatti espulsi dapprima De Bode (doppio giallo, per un banale fallo dal limite dell’area) e poi Lo Bosco (motivazione non chiarita, nemmeno dalle immagini).

Il Vado, in 8 vs 11, avrebbe l’opportunità di pareggiare. Atzori salva infatti i suoi, togliendo dal sette una punizione calciata da D’Iglio.

A venti minuti dal termine il Ligorna trova la quarta marcatura, nuovamente con Gerbino (doppietta) dopo un tiro rimpallato.

La contesa a quel punto finisce. Al triplice fischio il pubblico di casa applaude per protesta l’arbitro. La vetta della classifica per il Vado, con le vittorie di Sestri Levante e Sanremese, tra rabbia e recriminazioni scivola intanto a – 5 punti.

 

 

0-1, Cericola [L] (7° minuto)

1-1, Capra [V] (12° minuto)

1-2, Gerbino [L] (17° minuto) 

1-3, Cericola [L] (37° minuto) 

Espulsione Castelletto [V] (40° minuto), doppio giallo. Azione viziata da un precedente fallo non fischiato a favore del Vado. 

2-3, Lo Bosco [V] (50° minuto) 

Espulsione De Bode [V] (56° minuto), doppio giallo. Normale scontro di gioco al limite dell’area. 

Espulsione Lo Bosco [V] (59° minuto), doppio giallo. Un giocatore del Ligorna si scontra col centravanti vadese. 

2-4, Gerbino (69° minuto) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

leggi anche
Franco Tarabotto
Il video
Vado-Ligorna, il presidente Tarabotto insulta l’arbitro dall’altoparlante: multato dal giudice sportivo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.