Sentenza

Caccia in aree incendiate, il Tar condanna la Regione Liguria

La soddisfazione di Enpa, Lav, Lipu e Wwf: "I liguri costretti a pagare per la politica regionale"

incendio boschivo roccavignale

“Grazie al nostro ricorso alla giustizia amministrativa, il tar di Genova ha posto la questione di legittimità costituzionale della legge regionale sulla quale la Corte Costituzionale si è espressa censurandola proprio nella parte in cui riduce il divieto di caccia a soli tre anni, oltretutto limitandolo alle sole aree di superficie maggiore di un ettaro. Ovviamente il tutto in difformità alla Legge quadro nazionale.”

Lo afferma Enpa, Lav, Lipu e Wwf in merito alla sentenza n.828 pubblicata il 4 ottobre con cui il Tar della Liguria si è definitivamente pronunciato sul caso sollevato dalle associazioni animaliste.

Una bocciatura quella del Tribunale amministrativo regionale che arriva dopo il pronunciamento della stessa Corte Costituzionale in materia.

Le associazioni avevano infatti impugnato una circolare regionale che, in virtù della legge regionale n.22 del 1999 “Norme in materia di foreste e di assetto idrogeologico”, disponeva il divieto di caccia nelle zone boschive regionali incendiate per soli tre anni dall’evento incendiario, mentre la legge quadro nazionale n.353 del 2000, prevede che il divieto di caccia debba valere per i dieci anni successivi l’incendio.

“L’istituzione del divieto di caccia nelle aree percorse dal fuoco è fondamentale per garantire la ripresa degli equilibri naturali nei luoghi colpiti da eventi così disastrosi – dicono le associazioni – è evidente a chiunque che, consentire l’accesso dei cacciatori e dei loro fucili in quei luoghi, compromette gravemente la ricostituzione degli habitat, comportando l’uccisione di animali già in grave difficoltà a causa della scarsità di risorse a disposizione”.

Il divieto di caccia limitato a soli tre anni era sin da subito sembrato ad animalisti e ambientalisti un favore elargito da Regione Liguria ai cacciatori, senza tener conto della normativa nazionale. Gli effetti di questa condotta illegittima ricadranno sulle tasche di tutti i cittadini liguri, il Tar di Genova ha infatti disposto la condanna della Regione al pagamento delle spese legali sostenute dalle associazioni ambientaliste e animaliste.

“Non è certo una novità la compiacenza di alcune regioni nei confronti delle richieste dei cacciatori, ma è importante che i cittadini sappiano che queste decisioni scellerate ricadono poi sempre su di loro, in termini di perdita di biodiversità e, come in questo caso, anche in termini di costi economici” concludono le associazioni.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.